Passa ai contenuti principali

CHE NE DITE DI DIVENTARE MUSICISTI MIGLIORI? - di Anselmo Cane

Frequento spesso il canale Youtube di Luca Angelici. Per chi non lo conoscesse, Luca è un valente bassista italiano, profondo conoscitore del settore, che con cadenza periodica pubblica delle vere e proprie lezioni di basso elettrico totalmente gratuite. Al momento ne sono reperibili più di 120 e attraverso esse sviscera non solo la tecnica, ma affronta il tema “musica” a 360 gradi, dando ovviamente priorità a tutto ciò che riguarda le note gravi.


Una lezione che mi ha particolarmente colpito è proprio la numero 120: in essa Luca da 5 consigli per diventare “bassisti” migliori. L’universalità di questi consigli è tale che possono essere estesi anche a tutti gli altri musicisti, non solo i bassari. Vediamoli insieme.
  1. Non è mai troppo tardi per imparare. Certamente quando si è più giovani è più semplice assimilare determinati concetti e movimenti, ma nulla è precluso a chi è un po’ più in la con gli anni. Forza di volontà e pazienza non devono mai mancare.
  2. Siate sempre professionali qualunque sia il contesto. Arrivare puntuali e preparati alle prove, avere lo strumento adatto e in ordine (funzionante!) etc. sono alcuni degli aspetti che ci fanno apprezzare da chi ci chiama suonare.
  3. Siate delle persone piacevoli! (Ahia!) In effetti il tempo che si passa insieme suonando è sempre minore rispetto al tempo che si passa insieme facendo altro (anche solo il tragitto casa – locale dove si suona) e di certo se si tira fuori sempre il peggio di se difficilmente verremo chiamati altre volte per suonare.
  4. Non smettere mai di studiare! Nessuno ha bisogno di musicisti necessariamente “virtuosi”, tutti abbiamo bisogno di musicisti che progrediscono e non stanno fermi al loro livello. Anche piccolissimi passi in avanti ci portano ad essere migliori. Facciamoli. Come? Practise! Anche pochi minuti al giorno l’importante è essere costanti e testardi.
  5. Siate voi stessi ed accettatevi per quello che musicalmente siete: se il tapping o lo slap non sono proprio nelle nostre corde nessuno ci chiede di essere i nuovi Victor Wooten. Concentratevi su altro e cercate il VOSTRO modo di esprimervi.

E ora su…a studiare!

Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.