Passa ai contenuti principali

Raphael Gualazzi e Cesare Cremonini: affinità/divergenze - di Paolo Plinio Albera

Siamo al limite del classico “Coincidenza? Non credo”. Le affinità tra Raphael Gualazzi e Cesare Cremonini sono milioni di milioni. E non parlo solo di evidenti somiglianze fisiognomiche.




  1. Pianoforte.
L'uno virtuoso enfant prodige, l'altro cresciuto sognando Freddy Mercury, entrambi sono esteti degli 88 tasti. Qualunque cantautore suona la chitarra, ma pochissimi il piano. Raphael e Cesare appartengono alla ristretta categoria di quelli che, quando si siedono soli davanti allo strumento e le luci sul palco si fanno più soffuse, fanno capire che il pianoforte è un'arma di seduzione micidiale. Pavoni.






  1. Pinguetudine.
Dopo essere stati in gioventù dei perfetti figurini, qualcosa nel metabolismo dev'essere cambiato. Si sono lasciati andare. Hanno peccato di gola. Insomma hanno bevuto e mangiato come non ci fosse un domani. Oggi sono in una fase di leggero riflusso: da quando hanno la consapevolezza che si devono mettere a posto, la linea è abbastanza stazionaria, ogni tanto riescono a perdere un chiletto. Ma danno sempre l'impressione di poter diventare da un giorno all'altro come Elvis Presley.


  1. John Wayne.
Nell'ultimo disco di ciascuno dei due c'è una canzone su John Wayne. Per la cronaca, viene prima quella di Cremonini e dopo quella di Raphael. Ognuno alla sua maniera: quella di Cesare è più spaccona – lui che vuole diventare un attore – e quella di Raphael è più nazionalpopolare – le cose di una volta che ci fanno tanta nostalgia.


La Urbino del jazz, la Bologna dei cantautori: due mondi separati soltanto da centocinquanta chilometri. Il gioco “trova le differenze” è più difficile di quanto si possa pensare.


Le diversità di indole sono apparentemente chiare. Raphael è dreamy. Cesare è catchy. Ma a un orecchio attento non sfugge che spesso Cesare Gualazzi e Raphael Cremonini si scambiano i ruoli.

Gualazzi è un habitué del Festival di Sanremo. Cremonini non ci è mai andato. Cosa? Possibile? Cerca pure su Google, è così. È l'unica vera divergenza che sono riuscito a trovare.

Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.