Passa ai contenuti principali

MALEIZAPPA - Intervista con la band comedy rock campana

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
L’aspetto positivo sono le tante groupie che ci sostengono e ci adorano
L’aspetto negativo è che non ce la danno.



2) I talent sono spesso criticati ma a vostro giudizio, perché riscuotono tanto successo?
Victor: Perché il pubblico va educato, e loro lo stanno educando allo schifo.
Lawrence: Perchè sono un’ottima alternativa a Zelig
Girolamo: E’ un mondo che è sempre esistito, quello della musica più bieca e commerciale. I talent ne sono solo un’ultima evoluzione e riscuotono successo perché dietro c’è un investimento economico di pubblicità, marketing e comunicazione enorme e perché il target di riferimento è chi di musica non ne vuole sapere più di tanto.
Detto questo dateci un Talent e vi solleveremo il mondo!
3) Credete che un artista debba schierarsi politicamente?/Approvate la politica nella musica?
La musica, come ogni forma d’arte, è espressione dei propri sentimenti e delle proprie idee che vengono fuori in una qualche forma estetica. Se non hai idee politiche, nel senso più ampio possibile, o hai idee conservatrici, difficilmente hai qualcosa di interessante da dire e difficilmente riesci a trovare delle forme estetiche interessanti e innovative. L’arte diventa utile quando rompe gli schemi e in qualche modo è rivoluzionaria altrimenti vale lo stesso discorso dei talent, è solo un passatempo per chi non se ne interessa più di tanto.
Noi avremmo voluto impegnarci in politica nel partito dell’amore di Cicciolina, ma siamo arrivati tardi sulla scena.
Lawrence: Una volta lessi questa frase: ciò che l’arte tenta di distruggere è la monotonia del tipo, la schiavitù della moda, la tirannia delle abitudini, e l’abbassamento dell’uomo al livello della macchina.
Cosa c’entra con la tua domanda? Forse poco o niente ma è sempre meglio di un tweet di Salvini

4) Accettereste di scendere a compromessi per raggiungere il successo o un pubblico maggiore?
Ci stai dicendo che hai qualche proposta schifosamente indecente da farci che possa compromettere il nostro essere artisti solo per i soldi e il successo? Hai tutta la nostra attenzione.

5) Pensate che il fare musica influenzi in qualche modo i rapporti con gli altri (famiglia, relazioni, amici, parenti)?
Non credo ma male che vada esistono le aspirine.

6) Siete legati alla vostra città o esiste un posto in cui preferireste vivere?
Mah...a noi piace prendere in giro un po’ tutti gli aspetti della vita di una persona, a partire dalla nostra, ed uno degli aspetti centrali di una persona è proprio il luogo in cui vive.
Ad esempio venendo da Caserta, terra di mozzarelle ma anche “terra dei fuochi”, abbiamo fatto una versione di Buffalo Soldier di B. Marley dedicata al c.d. oro bianco e alla diossina, che se lo viene a sapere il Consorzio della Mozzarella ci denuncia. Il pezzo si chiama Buffalo rellamuzza
In generale ci fa tanto divertire chi crede che la sua città sia unica al mondo così come anche chi crede che all’estero sia tutto più bello e che tutto funzioni bene.
Lawrence: Per noi è sempre difficile spiegare il legame profondo che abbiamo con la nostra città e si rischia spesso di non essere compresi a fondo. Specialmente da chi non è agli arresti domiciliari.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.