Passa ai contenuti principali

LO STRANO CASO DEL MUSICISTA NELLA METROPOLITANA di Anselmo Cane

«Un mattino qualsiasi un uomo iniziò a suonare il suo sax nella metropolitana. Per quasi due ore suonò con maestria complicati temi di jazz e improvvisazioni bebop. Eppure solo 2 persone, di cui una un bambino di 3 anni, si fermarono ad ascoltarlo. Alla fine delle due ore aveva raccolto 4 dollari e 50 cents. Quell'uomo era un famoso jazzista, e nessuno lo aveva riconosciuto. Ma la sera stessa quello stesso jazzista si esibì in un famoso locale e stavolta le cose cambiarono: vennero a sentirlo in 5, il gestore non volle pagarlo perché non aveva portato abbastanza clienti e uno del pubblico gli chiese: "sì ho capito che sei un jazzista, ma cosa fai di lavoro?"»



Leggendo le prime righe di questo bellissimo racconto di Stefano Lazzaretto chiunque si sarebbe immaginato un finale totalmente diverso: un finale più romantico in cui il nostro “eroe” musicista tanto bistrattato per strada si sarebbe riscattato poi la sera davanti a una platea numerosa e attenta, rapita dalla sua maestria. Ne pregustavamo la rivincita con un’esecuzione impeccabile, un misto di sudore, cuore ed esperienza, seguita da applausi scroscianti e standing ovation del pubblico. Poi, ovviamente, sarebbe arrivata implacabile la riflessione sulla deriva del mondo intero che di giorno non riconosce un musicista di talento salvo poi tesserne le lodi la sera solo perché inserito nel contesto considerato idoneo, sicuramente più costoso: che cecità! Che sordità!
E invece no, niente di tutto questo. Niente rivincita, ma una bella sveglia che suona per riportarci alla realtà. Alzi la mano chi tra noi musicisti non si è mai trovato in una situazione simile. Alzi la mano anche chi, generalmente amico o parente del musicista, non si è trovato anch’egli stesso in una situazione simile ma dall’altra parte del “palco”. Succede, e succede sempre più spesso. Succede anche a musicisti di talento che magari anni fa per la stessa serata avrebbero preso un cachet condito da un paio di zeri invece di uno zero e basta.
“E’ sempre stato così!” potrebbe obiettare qualcuno. “Davvero?” Dico io. Forse è vero: in fondo, anche se con tinte diverse, c’è sempre stato un gestore di un locale poco interessato alla qualità delle degli eventi che propone, ci sono sempre stati band e musicisti mediocri, che di certo tutto fanno meno che avvicinare il pubblico alla musica live, ci sono sempre state serate storte e sempre ci saranno. Impossibile però non constatare che una mutazione è avvenuta rispetto alla fruizione della musica dal vivo anche solo negli ultimi 20 anni. Crisi economica, crisi culturale di proposte e ricezione, cambiamento dei canali di fruizione (si…i social…), mutazione dei gusti e voglia crescente di non spaccarsi le orecchie: un unico nesso che lega chi sta due ore e mezza col tablet alzato a riprendere tutto un live (pagato anche caro) e chi in un localino di città se la prende coi musicisti perché con il loro soundcheck disturbano chissà quale conversazione.
Non ho la pretesa di trovare soluzioni, non ne ho le capacità. Ogni tanto mi chiedo solo chi me e ce lo faccia fare e la risposta è sempre la solita: la passione. Banale e scontato ma è così. Urge però una sincera e profonda analisi e (auto)critica del sistema che investa anche noi musicisti: siamo così sicuri che il nostro “prodotto” sia davvero così eccellente da farlo uscire di casa? Credo che l’80% delle volte la risposta sia NO.

Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.