Passa ai contenuti principali

Un omaggio a Layne Staley e Kurt Cobain

Vogliamo segnalarvi oggi un incontro che gli amanti del grunge non potranno perdere.

Il 18 febbraio a Milano, si terrà l’annuale festa Grunge con musica, arte e video da Seattle.

Per il 7° anno consecutivo l’Italia ospita il benefit-show ufficiale in onore di Layne Staley, carismatico cantante degli Alice in Chains, scomparso nel 2002. L’evento sarà anche l’occasione per ricordare un’altra icona del Grunge, Kurt Cobain dei Nirvana, band che contribuì in modo significativo all’ascesa planetaria di quel movimento che, nato nelle cantine di Seattle, sconvolse il modo di fare rock tanto da essere definito come l’ultima vera rivoluzione musicale.


Il LAYNE STALEY & KURT COBAIN ITALIAN TRIBUTE 2017 si terrà Sabato 18 Febbraio al Serraglio di Milano(Via Gualdo Priorato, 5, 20134 Milano) con inizio alle ore 21.  Sul palco si alterneranno tre delle migliori band italiane che rendono omaggio ad ALICE IN CHAINS e MAD SEASON (Space Needles, da Bologna), PEARL JAM (No Habits, da Milano) e NIRVANA (Poottana Play for Money, da Milano). Al termine dello show la musica proseguirà con Tony Esse, deejay e conduttore televisivo di Musik Connections.

L’evento sarà presentato da Edoardo Rossi, autore di Sky Arte, per MTV Italia e Deejay TV. Già speaker di Rock FM e musicista in band ad alto contenuto grunge, ha pubblicato diversi libri sul rock e sulla scena indipendente italiana. A lui il compito di condurre una serata nella quale la musica si intreccerà con l’arte e la letteratura. 
L’evento avrà infatti come ospiti 
Valeria Sgarella, autrice del libro “Andy Wood: l’inventore del Grunge. Vivere e morire a Seattle prima dei Pearl Jam” e Danilo Deninotti, autore del libro a fumetti “Kurt Cobain: quando ero un alieno”. Sarà inoltre presente il collettivo artistico Mangrèche Bopretrini che esporrà le sue opere ispirate alle icone del rock. Verranno infine proiettati i video appositamente realizzati per l’evento da Nancy, madre di Layne Staley e da Dave Abruzzese, storico batterista dei Pearl Jam, che hanno voluto manifestare la loro gratitudine ai fans italiani di Staley e Cobain.

Il Layne Staley & Kurt Cobain Italian Tribute 2017 è sostenuto da Alice in Chains Italia, Nirvana Italia e Grungers ItaliaSi tratta dell’unico evento ufficiale in Italia, organizzato con il patrocinio della famiglia Staley, dell’associazione LAYNE-STALEY.COM. L’evento è gemellato con l’analogo festival che si tiene ogni anno a Seattle.

I proventi della serata saranno devoluti alla LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori) per sostenere il Progetto Retinoblastoma Infantile presso l’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, il maggior polo di oncologia pediatrica in Italia e il secondo per importanza in Europa. Il retinoblastoma è la neoplasia intraoculare più comune in età infantile e rappresenta circa il 3-4% di tutti i tumori maligni in età pediatrica.

Ingresso: 5€ con tessera ACSI (da richiedere preventivamente compilando il form online suwww.serragliomilano.org)

Ulteriori dettagli sulla pagina dell’evento FB:

Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.