Passa ai contenuti principali

RAW POWER - Le loro opinioni forti

I Raw Power sono una band storica del panorama nostrano. Vantano 30 anni di carriera e 14 dischi pubblicati, cui sta per far seguito il loro nuovo lavoro, in uscita a breve per IndieBox Music. 

Dopo aver calcato i palchi con nomi illustri quali Corrosion of Conformity, Suicidal Tendencies, Motorhead, Cro Mags, Sick of it All, Agnostic Front, Circle Jerks, Scream, Adolescents, Rancid e Guns and Roses, si apprestano a ripartire in tour per promuovere il loro nuovo disco. 
Di seguito la loro intervista.

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

Ci sono aspetti Negativi? Da quando ho iniziato con i Raw Power, ma unica band di sempre, ti posso dire che ho solo avuto cose positive motivo principale per cui dopo più di 30 anni siamo ancora qui a suonare. Penso che la musica e tutto quel che ci gira attorno sia positivo, poi è chiaro che i furbi, i bastardi o i ladri ci siano quello è normale, sono ovunque, ma fare musica, a qualsiasi livello può darti solo che cose positive, altrimenti non ha senso , altrimenti tanto vale smettere. Chiaramente non posso parlare per chi lo fa di mestiere , ma voglio sperare, credo che anche x loro la musica sia un qualcosa di positivo a parte il
fatto di guadagnarci.





2) ​I talent sono spesso criticati ma a vostro giudizio, perché riscuotono tanto successo?

Purtroppo sembra che tutti pensino che la maniera più veloce per far soldi al giorno d’oggi sia diventare un musicista o calciatore. All’inizio mi è piaciuta l’idea del Talent show , ma adesso la cosa è quasi ridicola ce ne saranno una decina, tutto d’un tratto senti dire da tutti, che questa è la cosa che hanno sempre voluto fare, che non vogliono fare altro che questo o che sono nati per far questo, di questo passo nessuno farà più un cazzo, tutti canteranno e nessuno avrà un soldo per comperare CD o andare ad un concerto di questi “nuovi” talenti. Chiaramente io a quelli che eventualmente ce la fanno auguro ogni bene, anche perché non è affatto facile specialmente oggi ma Principalmente
la colpa penso sia dei genitori che tirano su i figli in questa maniera, non studiare e non lavorare, bella educazione.

3) Credete che un artista debba schierarsi politicamente?/Approvate la politica nella musica?

Credo che un Artista debba essere libero di fare quello che pensa e si sente di fare, altrimenti che artista è? Certo io l’approvo non è per me, ma ci sono tanti musicisti che lo fanno magari non tutti bene ma lo fanno e contenti loro, a me non danno fastidio, se non sono d’accordo con i loro pensieri, li evito, è tanto
facile.

4) Accettereste di scendere a compromessi per raggiungere il successo o un pubblico maggiore?

Dipende da cosa intendi per compromessi, nel nostro piccolo, può voler dire , suonare per poco pur di farsi vedere, tra l’altro già fatto. Altri compromessi, non ti saprei dire, so solo che parlando dei Raw Power, nel nostro piccolo siamo
sempre rimasti fedeli alle nostre radici, alle nostre idee. Poi capisco che gruppi in giri molto più grossi, si trovino davanti a scelte che a volte possano sembrare compromessi, ma purtroppo tutti dobbiamo vivere e se quello è il tuo mestiere
e non sai o non vuoi fare altro...è difficile scegliere, diventa difficile non scendere a compromessi.

5) Pensate che il fare musica influenzi in qualche modo i rapporti con gli altri (famiglia, relazioni, amici, parenti)?

Certo, alla fine suonare, anche se non da professionista ti porta via parecchio tempo e questo tempo lo devi rubare ad altri, che sia la tua famiglia o gli amici. Il difficile , che è poi anche il segreto è di riuscire a bilanciare le cose, fare quello che ti piace cercando di non danneggiare o far del male ai tuoi cari. Ma è dura, per quelli che ti stanno attorno è molto dura, specialmente il riuscire a capire che cosa ti spinge a continuare o a capire perché hai scelto la musica a loro, alla fine è quasi una maledizione, ma per me è la cosa più bella che mi potesse capitare.

6) Siete legati alla vostra città o esiste un posto in cui preferireste vivere?

Assolutamente no, sto bene a casa, ci sto molto bene, come però sto bene in qualsiasi parte del mondo ci si trovi a suonare. Uno dei motivi principali per cui sono nati i Raw Power, è stato quello di girare il più possibile, incontrare
piu gente il piu diversa possibile. Ci sono così tanti bei posti in giro. Diciamo che quando stiamo via per settimane mi manca la mia famiglia, la mia casa ma non necessariamente il posto dove è.

Sito ufficiale



Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.