Passa ai contenuti principali

PUPI DI SURFARO - La loro intervista

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
Fare musica è, certamente, un grande privilegio. È, insieme, un mestiere ed una grande passione. Un aspetto positivo della musica è che si ha a che fare con le emozioni. Le emozioni sono la materia della musica. E poter lavorare con le emozioni, anziché con l’amianto, è una grande fortuna. Perché si può unire la crescita umana a quella professionale.
Forse, l’unico aspetto negativo è proprio insito nella sua grande fortuna. Questo grande privilegio implica un grande senso di responsabilità. La musica ha una profonda importanza nella società, nella vita delle persone. La cosa che mi fa più paura è proprio la superficialità con cui si può fare uso di uno strumento così importante.


2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo?

I talent sono spesso criticati da chi, come me, ha un atteggiamento molto critico, nei confronti di un fenomeno che rischia di ingurgitare e snaturare la musica e l’arte stessa. Riscuotono grande successo perché, annullando la distanza tra l’artista e la gente comune, è favorito il processo di identificazione della massa in chi riesce a raggiungere il successo. Se prima si ascoltava Dylan e De Gregori, si aveva molto rispetto per chi aveva un ruolo importante nella società. Adesso che il mondo della musica è, per così dire, alla portata di tutti, si corre il grande rischio di scambiare l’arte con l’intrattenimento. La capacità dei grandi artisti di arrivare al cuore della gente, con il successo. La musica vera con lo spettacolo. L’artista coi fenomeni da baraccone.
3) Credi che un artista debba schierarsi politicamente?/Approvi la politica nella musica?
Credo che un artista debba essere sé stesso. E se, essendo sé stesso, dovesse ritrovarsi ad aderire ad una qualche idea o ideologia politica, allora farebbe bene a farsi portatore di tale ideologia. Ma l’ideologia o l’aderenza ad un gruppo o fazione politica non dovrebbe mai rappresentare un limite per la crescita umana dell’artista.
Perché l’artista ha il dovere di crescere, di emanciparsi. Di evolvere.
Personalmente, non credo che la politica possa essere un buon terreno dove coltivare l’arte.
4) Accetteresti di scendere a compromessi per raggiungere il successo o un pubblico maggiore?
Certo che no. Non voglio biasimare chi è disposto a farlo. E non credo che sia solo questione di fare concretamente un compromesso. Per me la musica è un modo per arrivare alla gente. Io, che nella vita privata sono molto schivo ed introverso, con la musica stabilisco il mio contatto con la gente, o pubblico, che dir si voglia. La musica è il mio punto di incontro col mondo. E non mi precluderei, a priori, la possibilità di raggiungere un pubblico, quanto più vasto possibile. Trovare il modo per arrivare ad un pubblico sempre maggiore, mi sembra un esercizio interessante. Solo che non riuscirei a rinunciare mai a me stesso. Non potrei mai tradire me stesso. Solo per il fatto che, in tal modo, non sarei più “io” a relazionarmi con la gente.
5) Pensi che il fare musica influenzi in qualche modo i rapporti con gli altri (famiglia, relazioni, amici, parenti)?
Ho verso la musica un approccio “olistico”. Nel senso che il mio impegno artistico è perfettamente integrato, in tutta la serie di miei altri impegni e relazioni, che compongono la mia vita, complessa e articolata. Non posso nemmeno dire che la musica rappresenta l’aspetto più importante della mia vita. Non l’unico. Perciò, è chiaro che tutto si influenza e tutto viene influenzato. La cosa veramente interessante è vedere come tutte le altre istanze della mia vita sono rappresentate nella mia musica e nel mio rapporto con essa.
6) Sei legato alla tua città o esiste un posto in cui preferiresti vivere?
Sono legato alla mia terra. Alla gente della mia terra. Non è un legame fisico. Anzi, mi stanno stretti i legami fisici. Mi mettono a disagio. Potrei vivere bene ovunque, e ovunque la vita mi porterà a vivere. Quello che sono, la materia di cui sono fatto, la mia storia, la mia gente, la mia terra, sono parte di me, e sono con me, ovunque.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.