Passa ai contenuti principali

IL SANREMO DEI JALISSE - di Paolo Plinio Albera

Sanremologia: oggi più che mai conversazione da salotto, disciplina per esperti alla Marino Bartoletti, argomento-tipo per quiz di Rischiatutto.
Il Festival di Sanremo non muore mai, tutti lo aspettano, tutti lo guardano, tutti lo cantano. Soprattutto quelli che lo denigrano, indispensabili per perpetuare il culto.
Nel 1997 il Festival dei Fiori ancora creava i tormentoni. Nek cantava “Laura non c'è”. Paola e Chiara “Amici come prima”. Niccolò Fabi “Capelli”.
Star di domani si affacciavano di soppiatto nel music biz: Caparezza si faceva chiamare ancora MikyMix e gareggiava nei giovani.
“Striscia la notizia” su Canale5 annunciava prima il vincitore del festival e chissà come faceva ad azzeccarlo tutti gli anni.


Ma lo share televisivo, che del festival è sempre stato giudice ultimo al di sopra di qualsiasi giuria, iniziava in quegli anni a sgonfiarsi. Non si sarebbero mai più raggiunti i livelli del 1995 di un generosissimo Pippo Baudo (vallette Anna Falchi e Claudia Koll + sventato tentativo di suicidio).
Regnava ancora il patto di non belligeranza fra le reti, ma nel baraccone del Teatro Ariston iniziava a intravedersi qualche crepa.
Il Festival di Sanremo 1997 è stato l'alba di una nuova consapevolezza: i Jalisse.
Due perfetti sconosciuti vincono con una canzone sciapa, “Fiumi di parole”, nella sorpresa generale. Misteri del televoto. Dopo quella vittoria, tornano nell'anonimato. Diventano per tutti il simbolo delle “meteore” dello spettacolo, famose per un giorno e dimenticate per sempre.
Alessandra e Fabio ci provano ancora con la musica ma non interessano a nessuno. Per tutta Italia i Jalisse sono “gli sconosciuti che hanno vinto Sanremo” e questo devono rimanere. Nel 2014 Alessandra partecipa a “The Voice Of Italy”, nessuno dei giudici la riconosce, nessuno dei giudici la sceglie.
Eppure non esistono sconosciuti più conosciuti di loro, e la famosa vittoria dei Jalisse nel 1997 è un case study che nessuno riuscirà mai a interpretare o descrivere. La sanremologia non serve a spiegare, ma a stupirsi. Sono stati un meme prima che i meme esistessero.

I Jalisse, in barba a qualsiasi strategia delle case discografiche, hanno centrato l'algoritmo del gusto nazionalpopolare di quel febbraio 1997. Da allora “Fiumi di parole” è l'espressione privilegiata per definire l'inutilità di un discorso, e quando la pensi soltanto, la pensi comunque con quelle note lì.

Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.