Il portale della musica Indie italiana

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

La musica, come tutte le forme d’arte, mi permette di accedere ad un mondo parallelo a quello della realtà oggettiva, e riesco a vivere meglio attraverso di lei. Di negativo c e’ che per poter sopravvivere solo facendo musica bisogna sopratutto generare business, e da quel posto sacro che è l’ atto creativo, fare musica diventa un lavoro in cui è importante tutto il resto, e la musica in se diventa solo un pretesto. 
 
 
2) ​I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo?
 
L’ iper consumismo riguarda anche quello delle emozioni. I talent permettono di intrattenere ed emozionare allo stesso tempo, vivere crudeltà emotive indicibili e creare meteore da talenti anche se vogliamo mediocri. Sono lo specchio della società di oggi, ed il loro successo è contagioso, perché genera il business musicale più redditizio.
 
3) Credi che un artista debba schierarsi politicamente? Approvi la politica nella musica?
 
Mi piace ricordare i tempi in cui, nel mio paese, non si poteva parlare di musica senza parlare di politica. Questo con il tempo è cambiato. Prediligo la musica che rappresenta gli ideali veri ed è veicolo di messaggi di pace, solidarietà, rispetto tra gli uomini perché sono contraria a qualsiasi forma di pregiudizio e di razzismo. Ma non approvo la strumentalizzazione di questi ideali a favore di bugie legate ad un controllo dei consensi, per manovre che noi neanche comprendiamo del tutto. Ora come ora, sono molto lontana dalla politica. 
 
4) Accetteresti di scendere a compromessi per raggiungere il successo o un pubblico maggiore? 
 
No. Ho accettato con grande fatica di compromettere il mio primo disco con 2 canzoni in italiano. È già abbastanza. 
 
5) Pensi che il fare musica influenzi in qualche modo i rapporti con gli altri (famiglia, relazioni, amici, parenti)?
 
La mia famiglia, i miei amici, i miei parenti e le mie relazioni non potrebbero essere più solide, profonde e indispensabili nella mia vita, con o senza musica. Una cosa è vera però. Se dovessi tornare indietro, passerei questi ultimi 13 anni non a Londra, ma qui, con mio padre, che purtroppo non è più con noi da due anni ormai. 
 
6) Sei legato alla tua città o esiste un posto in cui preferiresti vivere?
 
Certo. Non lascerei questa casa per nessuna cosa al mondo. Non vivrei da nessuna altra parte, per ora..