Passa ai contenuti principali

STEF BURNS - Chitarrista senza confini

Cos'hanno in comune Alice Cooper, Huey Lewis (quello di The power of love per intenderci) e Vasco Rossi?

In un nome: Stef Burns.

Il chitarrista americano, ormai praticamente naturalizzato Italiano, vanta una carriera invidiabile che lo ha visto calcare alcuni dei palchi più importanti da un lato all'altro dell'oceano.




Al momento Stef è impegnato in un tour promozionale del suo ultimo cd "Roots and Wings", che lo vedrà fare tappa al Vertigo di Pianezza, sabato 17.

Tra i vari eventi che lo vedono protagonista, spicca il concerto Rock Aid Concert, un evento che vede i chitarristi Fede Poggipollini e Stef Burns, insieme ad altri artisti, uniti nella musica per vicinanza alle popolazioni colpite dal sisma dello scorso 24 agosto.

Stef Burns League, che ha realizzato il brano “Vedrai” proprio per Amatrice (per contribuire è possibile acquistare il brano su tutte le piattaforme digitali) e Fede Poggipollini uscito di recente con il progetto solista “Nero”,  saranno tra i protagonisti della serata ed hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa per mantenere viva l’attenzione sulle zone colpite dal terremoto. 

Sarà sul palco anche, Emanuela Bosone in arte Manupuma, cantautrice stimata dalla critica, con l’album omonimo (Universal), e in uscita a gennaio con il nuovo singolo Il mio Zar. Anche gli Shame, che hanno suonato anche a Seattle, porteranno il loro grunge rock rabbioso e trascinante al Rock Aid. Aderiscono all’evento anche il cantautore milanese Andrea Pagano & Lady Jane Orchestra uscito da poco con l’album, il toscano Stefano Benucci in arte Il Fano con il suo singolo Booster e i Motel Noire.

Sul palco del Rock Aid saliranno anche altri ospiti, amici, dj, musicisti tutti uniti per sensibilizzare con la musica e partecipare alla costruzione del teatro di Amatrice come Fabio Treves, Roberto Tiranti ed il giovane rocker Niccolò Bolchi, che Stef Burns ha voluto con sé in tutto il tour, e che proprio in questi giorni ha pubblicato The Remedy.

Rock Aid si svolgerà al Legend club di Milano il 18 dicembre con il Patrocinio del Comune di Amatrice. Il costo del biglietto è di 20 euro. Il ricavato verrà devoluto al Comune di Amatrice. I biglietti si potranno acquistare alla cassa del locale la sera stessa o prenotare online (email: info@ultraitaly.com). Il concerto avrà inizio alle ore 20.

Chiunque voglia contribuire potrà farlo, indicando come causale Rock Aid, direttamente sul conto corrente intestato al Comune di Amatrice contraddistinto dal seguente codice iban: IT13W0832773470000000005050

Ci sono molte famiglie colpite che hanno dovuto lasciare tutto. Ricostruire il teatro, l’ambiente in cui possono svagarsi, sentirsi bene, significa dare speranza a tutta la comunità. Il valore della solidarietà, della vicinanza, in questi momenti è fondamentale perché dà forza alle persone in momenti così difficili. Così vogliamo usare ancora una volta la musica per sensibilizzare, per portare un messaggio di altruismo e generosità anche solo con una canzone, che però per quelle persone può avere un grande significato. Vi invitiamo a partecipare per trasformare l’ascolto di ottima musica in un gesto di forte solidarietà. 

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.