Passa ai contenuti principali

ISOLATI FENOMENI - Conosciamo Lori, frontwoman della band

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

La risposta dipende da come si intenda il fare musica. L’arte è bellezza e la bellezza salverà il mondo. Come potrebbe quindi fare musica presentare aspetti negativi? La risposta può essere differente soltanto se la musica viene intesa come mestiere (dai musicisti) o come business (dagli operatori del settore). In tal caso, per i primi l’aspetto artistico viene annichilito dall’aspirazione al successo o dalla preoccupazione di come arrivare a fine mese, per i secondi finisce per non differenziarsi dal fabbricare un qualsiasi bene di consumo.




2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? 

Per giudicare il fenomeno talent occorrerebbe a mio avviso osservarli per quello che sono, ovvero show televisivi piuttosto che veicolo di espressione artistica. In tal modo risulta abbastanza immediato leggere il processo di identificazione che si genera tra lo spettatore, che desidererebbe o avrebbe desiderato vivere il suo “quarto d’ora di notorietà”, ed il concorrente, che “ce l’ha fatta”. Sotto un diverso profilo, con la chimera della popolarità a buon mercato, è molto facile attirare frotte di giovani aspiranti vip (non a caso dico vip e non artisti…) nella rete di massacranti e spesso umilianti provini di massa.

3) Credi che un artista debba schierarsi politicamente? Approvi la politica nella musica?



Ciascun individuo inserito in un contesto sociale, con i suoi gesti quotidiani, fa inconsciamente politica, intesa nel senso etimologico del termine. Non si vede quindi perché l’idea politica non debba emergere anche nell’espressione più vera e più pura dell’individuo musicista. Con questo voglio dire che trovo naturale fare musica anche come espressione politica. Poi, la politica che mette le mani sulla musica, asservendola con (spesso false) promesse di un futuro di celebrità e ricchezza è la manifestazione deteriore di questo fenomeno naturale.

4)Accetteresti di scendere a compromessi per raggiungere il successo o un pubblico maggiore?

“Mai!”, come disse Manuel Agnelli …

5)Pensi che il fare musica influenzi in qualche modo i rapporti con gli altri (famiglia, relazioni, amici, parenti)?

Ricollegandomi a ciò che dicevo prima, tutto quello che facciamo impatta sulle dinamiche delle grandi o piccole formazioni sociali di cui siamo parte. Se poi la domanda era volta ad indagare se le relazioni più importanti della nostra vita possono essere danneggiate da una passione così assorbente, che sottrae tempo ed attenzione ai legami amicali e familiari, è sufficiente rispondere che il bassista degli Isolati Fenomeni, per tagliare la testa al toro, l’ho sposato?

6) Sei legato alla tua città o esiste un posto in cui preferiresti vivere?

Curiosamente, da molti anni non ho più una città che possa davvero definire “la mia”. Ma il fatto che gran parte della mia vita si svolga in treno o in auto tra i due luoghi che frequento di più, assottigliando le mie prime radici, ne ha alimentate delle altre: quelle che crescono silenziosamente tra te ed il posto del tuo cuore. Non dirò qui quale sia il mio, i miei amici più cari, con i quali condivido questa esperienza, sanno.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.