Passa ai contenuti principali

EDOARDO CEREA SECONDO ME - di Miriam Gallea

Questo weekend appena passato, ho avuto la fortuna di collaborare con questo amico e cantautore di Piacenza, Edoardo Cerea.
In questi anni ho saputo conoscerlo e ho camminato e viaggiato cantando le sue canzoni.
Anno 1970, debutta come autore, per poi incidere nel 2004 il suo primo disco, "È meglio se continuo a cantare", edito dalle BMG Ricordi e arrangiato dal musicista e produttore torinese Mario Congiu. Quest’opera prima è il risultato del curioso incontro, avvenuto nel 1999, fra l’universo musicale “americano” di Cerea e quello letterario più “italiano” di Marco Peroni, l’autore di tutti i testi delle canzoni, nonché membro fondatore de” Le Voci Del Tempo”, band che racconta la storia attraverso canzoni parole e disegni, con cui, per quanto mi riguarda, continua una bella e ricca collaborazione.
Negli anni successivi, fino al 2014, seguono altri album, come "Disperanza" (tutto attaccato, mi raccomando!), "Edoardo Cerea Acoustic Trio", una parentesi Blues con il gruppo Mr. Lucky, che sforna nel 2013 un c'è autoprodotto " Around The Blues", fino all'ultimo disco," È meglio se continuo a Cantare", che contiene il fortunato singolo, "Oggi mi va di Crederci" prodotto e arrangiato dal chitarrista e produttore Fabrizio Barale (Ivano Fossati, Yo Yo Mundi).
Oltre tutto questo, ho avuto anche l'occasione di vederlo cantare in un riuscitissimo spettacolo dedicato a Luigi Tenco, "l'aria triste che tu amavi tanto", che consiglio vivamente, e che andrà in scena presto qui a Torino, al Teatro Agnelli il prossimo gennaio.
Collaborare con Edoardo è un'esperienza speciale, che sa di allegria e passione, cantando e suonando parole che riescono a colpirti dritto al cuore.
Un piccolo omaggio - con questo articolo - quindi, va a Edoardo, per ringraziarlo per ogni risata e ogni nota suonata insieme, sperando di collaborare ancora e il più presto possibile.
Una bellissima persona che racconta canzoni ovviamente bellissime che consiglio a tutti di ascoltare e cantare a gran voce.
Qui, un piccolo video, (è stato difficilissimo sceglierlo tra l'altro), che lascia un piccolo segno "disperanza"
Per tutti.
Come invito a tutti i cantautori da prendere e saper raccontare così.



Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.