Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2016

MOVIN' K - Conosciamoli

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
Aspetti negativi? Forse possono esserci conseguenze o ripercussioni più o meno negative sulla scelta di essere musicisti e vivere di musica, in una società che tende a conformare la massa a regole materiali atte ad allontanare molte persone dal mondo dell’arte in modo quasi automatico; ma fare musica ha solo aspetti positivi, è un attitudine dell’essere che, quando ti appartiene, diventa irrinunciabile.
Fare musica significa dare voce al proprio cuore e suono alla propria anima, significa scegliere di non essere silenzio ma colmare il vuoto con la libera espressione di se stessi, colorando il nulla ed illuminando il buio, significa essere onda che abbandona la calma piatta dell’oceano per librarsi nell’aria e baciare il vento, essere rumore, fastidio, disturbo ma mai apatia, essere il sole in una giornata grigia e la pioggia quando le lacrime non bastano per bagnare il viso; fare musica significa scegliere di dare un luogo alla pro…

USCITE DI GENNAIO

Il nuovo anno sta per iniziare e per iniziarlo al meglio, non possiamo che consigliarvi un pò di musica da ascoltare. Per fortuna, sono in arrivo tanti nuovi dischi. 
Oggi ve ne presentiamo alcuni.

ALBERTO TURRA - "Filmworks"

Dopo 15 anni di lavoro nella realizzazione di musiche per il cinema e la fiction, il 24 Gennaio Alberto Turra pubblica un disco in cui raccoglie alcune delle musiche realizzate finora, in collaborazione con l'etichetta torinese "Felmay". Un disco in cui poter apprezzare il lavoro di un musicista eclettico e originale, che potrà essere anche la colonna sonora delle vostre giornate.

JOE BALLUZZO - Conosciamolo

1)Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
L’aspetto positivo di fare musica, per me, è la libertà. La musica è un po’ la chiave di quelle catene che ci impongono (o che a volte ci imponiamo da soli!). Quando scrivo, quando canto, quando sono su un palco, ho la piena facoltà di essere libero. Libero di dire e fare ciò che sento, libero di saltare sui quattro della cassa, libero di gridare o sussurrare un’emozione. È così difficile sentirsi liberi ormai che è importante cogliere ogni occasione per poterlo essere.
L’aspetto negativo di fare musica, invece, è quello di venire spesso un po’ sottovalutati a livello professionale. In Italia, più (o a differenza!?) degli altri Paesi, si tende un po’ a relegare la figura del musicista ad intrattenitore per serate e se ne apprezza sempre di meno l’originalità, la scrittura di cose nuove (non è un caso che in Italia la richiesta di cover band superi quella  di musica originale). Ma questi sono i rischi del mestiere, dopo tutto…


IL CASO SCARUFFI di Paolo Plinio Albera

È un venerdì sera al circolo Sud, c'è Indiependence Festival. Stanno suonando Bonetti e i Tedeschi Suonano Altri Tedeschi. Una delle loro canzoni dice qualcosa tipo: “hai le idee chiare come Scaruffi”.
Puff! Mi ritorna in mente un personaggio emblematico degli anni 90 che, nostro malgrado, ha fatto parte della quotidianità di tantissimi appassionati di musica.
Negli anni 90 non c'era Wikipedia, c'era Piero Scaruffi. Matematico, poeta, tuttologo, era conosciuto per il suo sito www.scaruffi.com, nato come database, diventato una summa del suo intero scibile musicale, condotto con catalogazione maniacale e prolissità estenuante.

PIER MAZZOLENI - La sua intervista

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Non credo possano esistere aspetti negativi nel fare musica, e con questo ti avrei già risposto. Pare addirittura che faccia bene a livello cardiaco e influisca sulla pressione sanguigna! (Ride) E' risaputo che chi si approccia alla musica presenta poi una crescita superiore del quoziente intellettivo. Pure, gli aspetti positivi del fare musica in condivisione con la gente sono molteplici e qui, se me lo permetti, mi esprimo in veste di direttore di una scuola di musica. Aumenta la consapevolezza della propria creatività, la ricerca di un proprio genere e di uno stile personale ma soprattutto si può scoprire un eventuale talento che, se non coltivato, rischierebbe di restare per sempre in noi. Si sa anche che chi fa musica è tendenzialmente una persona sensibile… Per cui, per quanto mi riguarda, solo cose positive.


VALERIA CAUCINO - Conosciamola

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

Un aspetto positivo per me è senza dubbio la possibilità di parlare al cuore della gente attraverso le canzoni; esibirmi in un concerto rappresenta un momento gioioso di grande impatto emotivo per me e così spero per il pubblico.
Uno negativo è, almeno attualmente nel nostro Paese, la scarsa considerazione dei media verso l’artista in generale e verso la musica d’autore in particolare. Inoltre è diventato difficilissimo trovare credibilità agli occhi dei professionisti del settore, vuoi per la minore disponibilità economica, vuoi per il crescere dell’offerta e il calare della domanda. E non vedo alcuna prospettiva di inversione di tendenza a breve termine.


FERDDY HEND - La sua intervista

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
Di positivo c'è che fai ciò che ti piace, scrivi musica. Di negativo c'è che ti devi rapportare al mondo, alle sue esigenze e fare dei piccoli compromessi o questioni burocratiche di cui non mi frega nulla.


Pino Daniele – Jamming in New York

Quando ero bambino i miei genitori ascoltavano molti cantautori italiani e, tra questi, Pino Daniele. Fino a poco tempo fa non sono mai riuscito ad apprezzarlo e penso di aver capito il perché: era qualcosa di diverso da tutto il resto. Rispetto ad altri grandi della musica italiana che passavano nel mangianastri c'era qualcosa di “altro” nel suo stile, qualcosa che poteva non tornare all'ascolto di un bambino che non organizza ancora il mondo in categorie definite.

IVAN ROMANO - Conosciamolo

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

Non riesco a trovare un aspetto negativo nel fare musica, anche se "fare musica" potrebbe avere tanti significati, diversi tra loro. La musica può unire i popoli, la sua forza può curare malanni, dove c'è musica difficilmente si vedono risse. A me personalmente la musica ha dato tanto, si può dire che sono cresciuto suonando, in quanto mi sono appassionato ad essa a soli 11 anni. Come ogni amore ti crea gioia e dolore, se davvero la ami devi prendere sia il bene che il male.

FABIO CINTI - L'intervista

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
Tutti gli aspetti negativi non riguardano il fare musica in sé - che, se hai la vocazione, è qualcosa di viscerale da cui non ci si può staccare - ma piuttosto tutto quello che è legato alle aspettative di successo e agli esiti di ciò che si pubblica, con tutto quello che ne consegue. Anche quando le cose vanno bene non è sempre semplice affrontare tutto, la promozione, i tour. Ma questo, ripeto, al netto della musica.



STEF BURNS - Chitarrista senza confini

Cos'hanno in comune Alice Cooper, Huey Lewis (quello di The power of love per intenderci) e Vasco Rossi?

In un nome: Stef Burns.

Il chitarrista americano, ormai praticamente naturalizzato Italiano, vanta una carriera invidiabile che lo ha visto calcare alcuni dei palchi più importanti da un lato all'altro dell'oceano.




ISOLATI FENOMENI - Conosciamo Lori, frontwoman della band

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
La risposta dipende da come si intenda il fare musica. L’arte è bellezza e la bellezza salverà il mondo. Come potrebbe quindi fare musica presentare aspetti negativi? La risposta può essere differente soltanto se la musica viene intesa come mestiere (dai musicisti) o come business (dagli operatori del settore). In tal caso, per i primi l’aspetto artistico viene annichilito dall’aspirazione al successo o dalla preoccupazione di come arrivare a fine mese, per i secondi finisce per non differenziarsi dal fabbricare un qualsiasi bene di consumo.



GIO' SADA - La sua intervista

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
Un aspetto positivo è il fatto di viaggiare sempre, un aspetto negativo è il fatto di viaggiare sempre :) È il grande conflitto della vita del musicista, amiamo stare in giro e vedere cose nuove, ma ogni tanto vorremmo poter tirare il fiato.



ALEA - Conosciamola

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
Credo risulterò scontata, ma l'aspetto positivo del fare musica è chiaramente il modo in cui ci si sente. Quando si canta e si suona ci si emoziona, si viaggia con la mente , l'anima vibra ma soprattuto, io mi diverto un sacco. Potemmo continuare per millenni a cantare Summertime ma sarà sempre ed ogni volta un'emozione diversa. Creare infinite melodie, mescolare ritmi , descrivere concetti... Ti fa sentire appagato. Infine la musica unisce, ha la capacità di farti guardare negli occhi delle persone e sentirsi in sintonia anche se non ci si conosce affatto, io lo chiamo "effetto jam session". Come vedi, di aspetti positivi la musica ne ha tanti, e potrei continuare per ore.  Per quanto riguarda,invece, l'aspetto negativo è innegabile la difficoltà che c'è oggi per provare ad emergere,siamo in tanti, ma soprattutto spesso conta di più quanto paghi e non quanto vali, e la musica diventa vittima, e chi fa…

ROSMY - La sua intervista

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

Fare musica è un’arte che vive di momenti di massima espressione dove tutto sembra positivo ma come in tutte le cose gli aspetti negativi non mancano mai. Per quanto mi riguarda questi due aspetti possono coincidere, in quanto fare musica è la cosa più bella del mondo e se le cose ti vengono bene tutto è positivo se non riesci a farle come vorresti allora sembra improvvisamente tutto difficile ma io vivo con ottimismo quindi credo sempre che in ogni caso, soprattutto quando c’è passione tutto viene visto con un’ ottica sempre nuova e positiva.

MY ESCORT - La loro intervista

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
Positivo: quando scrivo, l'effetto è quello di una pulizia interna. Quando un brano nuovo è concluso, mi sento più leggero, spesso felice e soddisfatto.
Negativo: non esiste un lato negativo, davvero.


STRANIVARI - L'intervista

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? aspetto positivo : Potersi Esprimere
aspetto negativo :  Doversi esprimere

ROBERTA GIALLO - La sua opinione

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

Sono convinta che la musica abbia proprietà terapeutiche e benefiche; fa bene alla salute e ai rapporti interpersonali, se ben "professata" crea legami molto belli fra le persone. Credo di aver già detto più di una cosa positiva...  L'aspetto negativo, invece, non lo colgo "nel fare musica in sé", ma in "ciò che gira intorno alla musica". Mi riferisco a certi meccanismi legati al "business musicale", che fanno sì che spesso per favorire un presunto "profitto" si renda renda cervellotico e meccanico il modo di "creare la musica". In questo modo si toglie all'artista la libertà di partorire idee originali, spesso bocciate dai ragionamenti "del mainstream", idee che tuttavia, potrebbero persino interessare al mercato mainstream.  È una specie pregiudizio, uno strano controsenso, ma è così. La cosa triste è che si sposta l'attenzione dal lato creativo-emoti…

EDOARDO CEREA SECONDO ME - di Miriam Gallea

Questo weekend appena passato, ho avuto la fortuna di collaborare con questo amico e cantautore di Piacenza, Edoardo Cerea.
In questi anni ho saputo conoscerlo e ho camminato e viaggiato cantando le sue canzoni.
Anno 1970, debutta come autore, per poi incidere nel 2004 il suo primo disco, "È meglio se continuo a cantare", edito dalle BMG Ricordi e arrangiato dal musicista e produttore torinese Mario Congiu. Quest’opera prima è il risultato del curioso incontro, avvenuto nel 1999, fra l’universo musicale “americano” di Cerea e quello letterario più “italiano” di Marco Peroni, l’autore di tutti i testi delle canzoni, nonché membro fondatore de” Le Voci Del Tempo”, band che racconta la storia attraverso canzoni parole e disegni, con cui, per quanto mi riguarda, continua una bella e ricca collaborazione.
Negli anni successivi, fino al 2014, seguono altri album, come "Disperanza" (tutto attaccato, mi raccomando!), "Edoardo Cerea Acoustic Trio", una parentesi Blu…

LUCA D'ALESSANDRO - L'intervista

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
Fare musica ti permette di rimanere sempre in contatto con te stesso e con quello che hai dentro, ti invita a vivere la vita totalmente. Un aspetto negativo forse è quello di dover allineare due ritmi diversi come quello della creatività e quello delle produzioni che quasi sempre sono diversi! 


PAOLO CONTE - Il ritorno al Regio

Torna a Torino, lunedì 12 dicembre  al Teatro Regio, dopo i successi di Roma e Milano (date sold out), Paolo Conte. L’autore di alcuni dei più bei brani della musica italiana come Azzurro e Via con me proporrà al pubblico torinese, con la poetica che lo contraddistingue, i grandi classici del suo repertorio.
Paolo Conte è uno dei più amati cantautori italiani. Si pone come chanteur decadente, distaccato, obliquo e nobile a un tempo, con un timbro vocale roco e profondo, soavemente sferzante, pungente e anti-retorico
I suoi due strumenti, il pianoforte e la voce, prima ancora che le canzoni vere e proprie, hanno fatto da battistrada a delle contaminazioni più seducenti di sempre ed hanno contribuito al non trascurabile merito di aprire le porte alla riscoperta filologica e classica della musica jazz in Italia.
Da oltre quarant'anni è riconosciuto unanimemente dalla critica in patria e oltralpe ed il 12 dicembre, per l'evento organizzato da Radar www.radar.it, al Teatro Regio riper…

VIA LATTEA 2 - La loro opinione

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
Fare musica molto simile ad imparare un'altra lingua: puoi essere naturalmente predisposto ad apprenderla ma servono passione e costanza nell'impararne la "grammatica", ed ancora di più per riuscire a coglierne le sfumature per esprimere concretamente le proprie emozioni in un discorso. La musica, però, è una lingua particolare: può essere compresa da tutti, al di la della mera comprensione del testo. Una melodia è un discorso che può oltrepassare muri e frontiere, andandosene liberamente in giro per il mondo.


MONICA PINTO - La sua intervista

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
Ci sono tantissimi aspetti positivi nel fare musica. Io mi sento investita di una grande responsabilità, quella di farmi veicolo di energie potentissime di cui la musica è pregna. Esse favoriscono l’espansione verso nuovi livelli di percezione e la connessione con la parte più profonda di sé. E questo vale sia per chi la produce, che per chi ne fruisce. La musica è materia energetica che porta benessere e gioia, se la si vive con profondità e consapevolezza. L’unico aspetto negativo del fare musica oggi – soprattutto se si tratta di “musica di nicchia” – è quello di cercare di sopravvivere in un mare di indifferenza e di mediocrità mediatica e di dover sempre lottare per garantire la giusta dignità ai propri progetti artistici.