Passa ai contenuti principali

SENZA PIETA' di Marco Zuppa

"Hai una band? Ma perché non andate a X Factor?"

Già, perché? Vaglielo a spiegare.....

Chi suona prova a rispondere a questa domanda da anni ma forse stavolta, un pezzo del sipario si è strappato ed ha lasciato intravedere qualcosa di quello che si cela dietro a questi ambienti.



E' ormai passato un pò di tempo da quando la band Jarvis, si è ritirata dallo show X Factor.

Cosa sia successo è quindi cosa nota, grazie anche agli articoli dettagliati e coraggiosi di Michele Monina, di cui vi consigliamo la lettura a questo link.

Se avete seguito la faccenda, sapete che dietro questi show, ci sono interessi e soldi, nulla di più.

Qualcuno ha contestato la scelta dei Jarvis.

Ma come? Sogni di fare il musicista, di firmare un contratto e quando ce la fai, te ne vai?

Sì, se il contratto è un patto col diavolo.

Parliamo di un sistema che adesca giovani, li lega mani e piedi, li divora e una volta finito, li sputa.

Tutto questo vendendo un'idea di celebrità che è lontana da quello che significa fare musica.

Chi vuole vivere di musica, sogna di viaggiare, di suonare in città diverse.
Vivere di musica significa suonare, scrivere, lottare per farsi largo, e un'immensità di altre cose.


Chi vuole vivere di musica, non sogna le copertine patinate e forse proprio per questo ci finisce.

Quando hai lottato tanto duramente e tanto a lungo da non poter più essere ignorato, allora a volte, arriva il successo.

Successo che significa poter avere il lusso di vivere della propria musica.


I contratti che firmano i partecipanti a questi spettacoli, blindano l'artista e ne vincolano così indirettamente anche la creatività.

Monina fa giustamente notare che non si può firmare un contratto in cui "un unico referente è al tempo stesso discografico, editore, manager e incaricato del booking".

Chi tutela l'artista? Chi lo difende?

Nessuno ma d'altronde, che problema c'è?

Male che vada, ti hanno visto in tv. Se vinci poi, comunque sei famoso.....
Se non vai, allora poi non lamentarti di quanto sia dura suonare in giro e tirare su un pò di soldi.....

Invece lamentarsi è lecito. Perché può essere anche duro suonare in giro, sbattersi, organizzare date, scrivere canzoni.

Si fatica, si litiga, ci si manda anche malamente affanculo a volte, tutto in nome di quell'ora di magia che provi quando suoni.

Perché in quell'ora, quando suoni, sei libero.
Libero da tutto e da tutti. 
L'arte ha bisogno di libertà, ed è proprio quella che questi programmi tolgono.

"Hai una band? Ma perché non andate a X Factor?"

Forse adesso lo avete capito e magari eviterete di rifare questa domanda a un amico che suona.

Concludo augurando il meglio ai Jarvis. Vi hanno notato in passato e vi noteranno in futuro, continuate sulla vostra strada e in bocca al lupo.

A voi lettori che amate la musica, ricordo che la linfa vitale di questi show è l'audience e che ogni televisore spento è un tiro messo a segno.

Se amate la musica, andate ai concerti.

Spegnete la tv.

Crivellateli di colpi, senza pietà.



Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.