Passa ai contenuti principali

PER MOLTI MA NON PER TUTTI: RUSH di Marco Zuppa

Un oggetto mitologico.

Così si potrebbero definire i Rush.
Una band che, a discapito dei loro 48 anni di carriera, resta sconosciuta ai più.

Nati nel 1948 dall'amicizia tra Geddy Lee (basso, voce e tastiere) ed Alex Lifeson (chitarra), i Rush hanno trovato la loro quadratura del cerchio nel 1974, quando alla batteria arriva Neil Peart. 

Questi tre canadesi hanno così iniziato il loro viaggio musicale, con dedizione, tecnica e una capacità di scrivere comune a pochi.





I dischi d'oro e di platino accumulati sono tanti, solo Beatles e Rolling Stones ne hanno vinti di più consecutivamente.

Il loro genere è il progressive rock.
Per nulla semplice eppure proposto in tre.

Chitarra, batteria e basso nonché voce e tastiere. 

In 48 anni hanno saputo toccare tutti i generi musicali possibili.

E pensare che hanno iniziato con un disco autoprodotto, con cui sono stati scambiati per i Led Zeppelin.

A seguire le pressioni della casa discografica, hanno costretto i tre a modificare il loro sound.

Questo ha comportato una perdita di pubblico a cui loro hanno risposto con un lavoro incredibile: 2112.

Un manifesto del singolo contro la moltitudine, della musica contro il silenzio.

Un disco unico, progressive, ricco di contenuto e ispirato.
Nonostante la casa discografica non fosse propensa a pubblicare il disco, questo lavoro si è rivelato un successo di critica e pubblico.

Ancora una volta il coraggio dell'arte aveva battuto i calcoli freddi dell'industria.

2112 è solo il primo dei tanti gioielli che i Rush hanno sfornato.

I loro testi sono sempre ricchi di spunti utili e arrivano a trattare temi importanti come l'onestà nell'arte e nella vita.



Come la loro musica, concetti difficili resi semplici dall'abilità di chi scrive.

Si potrebbero definire un tesoro nascosto.

Non li troverete sulle copertine dei giornali, dietro le scrivanie dei giudici di un talent. i Rush potrete trovarli solo live (non sempre in Europa e tantomeno in Italia) o sugli scaffali dei negozi, quando decidono di pubblicare un disco.

Da noi non girano spesso, pare che i promoter non li contattino molto, seppure durante il loro ultimo giro in Italia il sold out sia stato registrato in modo rapido.

Parliamo di una band non a caso, ma perché come loro, pochi hanno saputo influenzare con ironia, intelligenza e abilità il mondo della musica.

A loro si ispirano molto gruppi (Smashing Pumpkings, Metallica, Rage Against The Machines, ecc) e per i Foo Fighters, i Rush sono praticamente oggetto di culto.

Nel 2013 sono stati introdotti nella Rock and Roll Hall of Fame, dopo pressioni mediatiche da parte dei fans.

La cerimonia è stata un altro colpo messo a segno, con un discorso di Alex Lifeson che ha già fatto epoca.

Ognuno ci vede ciò che vuole, per chi scrive si tratta di un'ennesima prova di come la musica vera viene fatta da chi la sa fare. Tutto il resto è solo rumore di fondo.






Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.