Passa ai contenuti principali

LOCA TROUPE - La loro intervista

LOCA è una giovane e frizzante troupe di videomaking torinese formata da Gessica Caruso e José Loggia.
Abbiamo fatto loro qualche domanda per conoscerli meglio e farci raccontare l'esperienza di lavoro con videoclip ed eventi musicali.


1- Presentateci la Troupe: come è nato il progetto e chi ne fa parte?

[parla Gessica] Il progetto nasce per gioco una sera d'aprile di quasi sei anni fa, quando chiesi a Josè se voleva aiutarmi a vincere una piccola sfida professionale: un contest promosso da una factory creativa di Torino, Eggerslab. Volevamo presentare un video che raccontasse un progetto di comunicazione per la città di Torino: ci servivano attori, ma avevamo pochi giorni e pochi mezzi. José finì per essere l'attore perfetto per tutti i personaggi, l'aiuto regia, il costumista e in tre giorni finalizzammo il progetto.
La grande sorpresa, a parte la vittoria del contest, fu la nostra squadra.
Eravamo produttivi, complici e divertiti: la sua spensieratezza mi alleggeriva e mi permetteva di immaginare con libertà, la mia irrazionalità dava concretezza a tutti i suoi dubbi.
Lavorare con José fu uno spasso, un'avventura, un viaggio.
E così, abbiamo cercato di avvicinare i nostri percorsi professionali, da videomaker e musicista fino ad arrivare alla Loca.
2- Quando avete iniziato a lavorare per il mondo della musica? Qual è stato il primo progetto musicale? [Inclusi eventi, Fringe e simili]

[parla Jose] Il primissimo evento musicale che seguimmo fu il Torino Jazz Festival: tanto devastante quanto entusiasmante. Ci trovammo davanti a colossi della musica mondiale a fare interviste e filmare concerti in un entourage affascinante e coinvolgente.. le giornate erano infinite e terminavano puntualmente in nottate febbrili a riprendere jam session in qualche locale underground. Non ci fermava nessuno: nemmeno il brutto tempo! Ricordo un giorno in cui iniziò a grandinare, la piazza si svuotò ma noi sotto sacchi dell'immondizia rubati in un ristorante restammo stoici a finire il servizio!

3- Cosa rende unico il lavoro dietro a un videoclip musicale rispetto a progetti video di altra natura?

[parla Gessica]Il feeling che si instaura con l'artista: il suo coinvolgimento, anche se impercettibile, resta indelebile nel video. E poi aggiungerei quanto l'artista è disposto a mettersi in gioco. Per esempio, il videoclip "Berenice" degli allora Hoax (oggi La Beffa), fu una tre giorni di riprese non stop, dormendo, mangiando e organizzando i set di riprese tutti insieme (metodo Stanislavskij in versione canavesana). E così mentre c'era chi truccava, c'era chi dava il bianco, chi faceva la spesa, chi guidava droni e chi spalava la terra....
Quel video è nato tra vibrazioni molto forti.

4- Rapportarsi con le aspettative del musicista che vi commissiona il lavoro, proporgli idee, frenare le sue quando non sono concretamente realizzabili... sembra un processo complicato: come si svolge di solito?

[parla Josè] Bhè, in effetti non è mai un processo semplice. Di solito ci si incontra con l'artista o la band e si cerca di capire se ha già qualche idea per il suo pezzo; se c'è, ne valutiamo la fattibilità, si cerca di svilupparla o di proporgliene altre che possano convincerlo di più. 
[parla Gessica]Il videoclip è come un vestito che l'artista deve indossare con piacere. Quindi la cosa più importante per noi è conoscerlo e comprenderlo, carpirne i gusti e misure per tradurre il tutto in video.

5- Qual è l'ingrediente fondamentale in questo processo per la riuscita di un bel videoclip?

[parla Josè] Per me è l'infinita creatività di Gessica. Cioè, non puoi capire è capace di parlare e tirare fuori idee per delle ore..è già successo che un cliente ci dicesse "WOW, possiamo fare video per tutti  i pezzi del disco, altro che singolo!"

6- Nel caso qualche musicista fosse interessato a lavorare con voi... avete un sito, dei contatti e dei link dove possa vedere i vostri lavori?

[parla Gessica] Il sito è in fase di ultimazione ed è www.locatroupe.com, lo showreel 2016 uscirà per Natale, questa la nostra pagina Facebook in cui potete visionare i nostri ultimi lavori e contattarci.



Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.