Passa ai contenuti principali

KARLA HAJMAN - La sua intervista

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

C’e’ un infinita’ di aspetti positivi, che uno la faccia per hobby o per lavoro: ti fa sentire meglio qualsiasi cosa succeda, ti permette di esprimerti senza parole, ti connette con mondi ben oltre alla realta’ in cui viviamo, e’ una cura per l’anima.
L’aspetto negativo… se devo proprio trovarne uno, e’ il fatto che a forza di fare i live in giro, i luoghi che di solito sono di spasso e divertimento agli altri, tipo bar, teatri, club, festival, esposizioni… per me sono diventati un “ufficio”.



2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo?

Perche’ vendono al pubblico generale il sogno e la speranza del successo istantaneo, un po’ da “fast food”. Come dire, il sogno di passare dal fare la vita normale alla vita da rock star in un minuto letteralmente, senza pero’ aver mai avuto il corraggio di lasciare il nido e fare il famoso salto nel vuoto (che come esperienza, invece, serve molto!)


3) Credi che un artista debba schierarsi politicamente?/Approvi la politica nella musica?.

“Debba” no. “Possa” si. Chi vuole schierarsi, si schieri, a chi la politica non interessa, non lo deve per forza fare. Se una persona si sente realizzata nel proporre i temi politici attraverso la propria musica, allora faccia pure, non serve autocensurarsi.
Non e’ pero’ la mia missione personale includere per forza la politica nella mia musica. Preferisco trattare i temi piu’ sinceri, che non hanno bisogno di schierarsi in qualsiasi categoria umana pur di avere un senso ed identita’…

4) Accetteresti di scendere a compromessi per raggiungere il successo o un pubblico maggiore?

Dipende da cosa intendi per un compromesso. Se domani qualcuno di un’etichetta grossa mi propone un idea che mi piace, certo che lo faccio, anche se l’idea di per se non era partita da me. Se qualcuno tre anni fa mi diceva che avrei fatto ben due album trip-hop con uno dei padri fondatori della tecno brittanica, gli avrei riso in faccia – ho un allergia verso tecno e beats quantizzati in generale. E pure… Kinestatics, il mio altro progetto e’ una di quelle cose magiche che mi ha concesso di esplorare la mia creativita’ e la mia propria testa musicale come poco altro. Sono sicura che una volta pubblicati, questi album porteranno si ad un successo… perche’ per me, lo sono gia’.

Ovviamente, se uno domani mi chiede di fare un pompino ad un bambolotto gonfiabile sul palco pur di stupire un pubblico di 13-enni ormonizzati, ecco, di ste stronzate non se ne parla.


5) Pensi che il fare musica influenzi in qualche modo i rapporti con gli altri (famiglia, relazioni, amici, parenti)?

Si e come. Da musicista solista femmina, intanto devo dire che quel che vale per i ragazzi con le chitarre, non vale per niente se sei una donna: anzi che avere i groupies che ti saltano addosso, la maggior parte degli uomini se la fa sotto, soprattutto i colleghi musicisti. Da me il famigerato “rimorchio al concerto” ha funzionato solo una volta: con il mio marito, che e’ un commercialista Tedesco e un collezionista di tecno, ovviamente…

Scherzi a parte, fare la musicista include lunghi viaggi, orari pazzi, un sacco di gente che viene e che va, le cose all’improvviso, ecc ecc… Qualsiasi lavoro con questa tipologia di impegno molto variabile influenza i rapporti personali.
Ma come con qualsiasi altra cosa, se all’interno di un rapporto ci si appoggia invece che minarsi a vicenda, le cose possono andare a gonfie vele.
E ci sono pure due grossi vantaggi: uno, non ci si annoia mai. E due: impari a dare priorita’ e a dedicare il tempo solo a chi se lo merita per davvero.

6) Sei legato alla tua città o esiste un posto in cui preferiresti vivere?

Per una persona che ha traslocato piu’ di 30 volte e ha vissuto in 6-7 paesi diversi, facendo pure un anno intero on tour senza fissa dimora, la domanda ha poco senso. Intanto ho piu’ di una citta’ e piu’ di un paese mio, con i quali ho dei legami speciali ed indelebili – Italia e’ uno di quelli, pur non essendo geneticamente italiana… infatti dopo 11 anni d’adozione nella pianura Padana, parlicchio anca el dialéto veneto.
Ora vivo a Berlino da 5 anni ormai. Non ho mai vissuto cosi a lungo in una citta’ da quando ho lasciato la mia nativa Belgrado per via del bombardamento della NATO nel 1999.
Se c’e’ un altro posto dove preferirei vivere… in questo momento, no… anche se lascerei volentieri Berlino a Febbraio per un mesetto su qualche isola tropicale.


 

Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.