Passa ai contenuti principali

I VINILI PIU' COSTOSI DEL MONDO di Marco Zuppa

Il fascino del disco in vinile è stato riscoperto negli ultimi anni, ma chi ha da sempre nutrito una passione per questo prodotto, sa che ne esistono alcuni che possono essere definiti dei veri e propri tesori.

Qualora vi vogliate lanciare nella ricerca, sappiate che questi vinili di cui parliamo, sono tanto inestimabili quanto introvabili. Il caso però, è cieco, quindi ve ne vogliamo segnalare qualcuno nel caso doveste imbattervici.

Buona lettura e buona fortuna.




1-2) "That’ll Be The Day/In Spite Of All The Danger" dei The Quarrymen - 1958 

Se non avete mai sentito nominare i The Quarrymen, non preoccupatevi. La ragione per cui questo vinile è tanto ricercato è ad inciderlo furono Paul McCartney, John Lennon, George Harrison con il batterista Colin Hanton e il pianista John Duff. Attualmente della prima stampa ne esiste un singolo esemplare, valutato 100.000 sterline. 
La ristampa del 1981 di questo disco, che conta 25 copie, è valutata 10.000 sterline cosa che ne fa contemporaneamente il primo ed il secondo disco più costoso della storia.



3) "God Save The Queen/No Feelings" dei Sex Pistols - 1977

Con soli 300 esemplari, questo vinile è valutato 8.000 sterline. Questo disco fu stampato senza copertina e non uscì mai nei negozi. Ne furono però regalate alcune copie ai dirigenti della A & M Records, quando l'etichetta chiuse i battenti nel 1998.



4) "White Album" dei Beatles dei Beatles - 1968

Un disco che non ha certo bisogno di presentazioni. Valutato 7.000 sterline, si potrebbe definire la terza presenza dei Beatles nella classifica (e siamo solo al 4° posto).



5) "Bohemian Rhapsody/I’m In Love With My Car" dei Queen - 1978

"Solo" 5.000 sterline il valore di questo vinile del classico dei Queen.
In questo caso pare che ci siano anche alcuni gadget inclusi nella confezione. Se doveste acquistarlo, fateci sapere quali.




6) "Midsummer Night’s Scene/Sara Crazy Child" dei John’s Children - 1967

La band in cui Marc Bolan suonava la chitarra si aggiudica il sesto posto, con questo disco che non fu mai pubblicato ed ha un valore di 4.000 sterline.




7 - 8) "Please Please Me", dei Beatles - 1963

Ennesimo record per i Beatles che si aggiudicano 7° ed 8° posto della classifica con questo doppio LP, dal valore di 3.500 sterline




9) "Unfinished Music No. 1: Two Virgins" di John Lennon/Yoko Ono/Plastic Ono Band - 1968

Nona posizione per il primo disco solista di John Lennon che, oltre a questo record, fece scandalo per la foto di copertina che ritraeva lui e Yoko Ono nudi. La celebre immagine venne scattata a casa di Ringo Starr.




10) "Would You Believe" di Billy Nicholls - 1968

Di questo disco ne furono vendute pochissime copie, che ora hanno un valore di 3.000 sterline.



Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.