Passa ai contenuti principali

BUZZY LAO - La sua intervista

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

Sicuramente viaggiare e avere la possibilità di conoscere sempre nuove persone e confrontarsi con nuove realtà, la considero una ricchezza inimitabile e impareggiabile. Aspetti negativi non ne trovo se non gli stessi che potrebbero esserci nell’intraprendere un qualsiasi percorso artistico con annesse tutte le difficoltà e soprattutto tutti i sacrifici indispensabili se si vuole farlo con serietà e passione, ma non credo siano negativi, servono e ti insegnano tanto.


2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo?

Per lo stesso motivo per cui hanno successo tanti altri programmi televisivi incentrati sulla competizione, sulla mancanza di contenuti e sulla mania di protagonismo, giudicanti compresi. Nulla a che vedere con l’arte o con la musica, è un programma televisivo di intrattenimento e di svago, non mi stupisce il successo che hanno e non mi stupirei affatto se tra qualche anno perderanno d’attrattiva.

3) Credi che un artista debba schierarsi politicamente? Approvi la politica nella musica?

Approvo tutto ciò che è sentito, vero ed onesto. Se ci sono queste qualità si può parlare di qualsiasi argomento, anche e soprattutto di politica. Certo, non la politica dei partitismo, per me politica ha un significato molto più ampio, ci si schiera ogni giorno e in ogni scelta o gesto che si fa quotidianamente, non è solo il ‘tifo’ per un partito o il voto di un referendum o di una elezione una volta ogni 2, 3, 4 o 5 anni. Ovviamente un artista può scegliere se schierarsi apertamente oppure no, dipende sempre da che tipo di credibilità può avere una decisione del genere.

4) Accetteresti di scendere a compromessi per raggiungere il successo o un pubblico maggiore?

Sinceramente non credo nei compromessi e nemmeno nel successo derivante da scelte singole e fulminee. Credo nei percorsi basati sull’umiltà artistica e sull’intelligenza e la bellezza di aggiungere poco per volta i tasselli che possono permetterti magari un giorno di arrivare a un pubblico maggiore o al cosiddetto successo, ma vanno capiti e digeriti uno per uno, con consapevolezza. Non puoi imparare determinate cose se non con l’esperienza diretta che in qualsiasi modo non è sostituibile da nessun compromesso. Non funziona così, se il successo non viene dal lavoro e dal sacrificio non vale niente, sparisce così come è arrivato.

5) Pensi che il fare musica influenzi in qualche modo i rapporti con gli altri (famiglia, relazioni, amici, parenti)?

Assolutamente si, chi fa musica vive quasi in una realtà parallela. Per esempio capita spesso che nei weekend si è in viaggio per suonare e a volte molto lontano da casa perché sono i giorni migliori per fare un concerto mentre negli stessi giorni le persone che ti stanno accanto hanno i loro giorni liberi. O quando si lavora a un disco ci sono fasi in cui si è assorbiti del tutto e non si ha tempo per nient’altro, al contrario ci sono poi fasi in cui siamo noi ad essere totalmente liberi mentre il resto delle persone hanno i loro impegni, insomma, non è per niente facile gestire i rapporti in queste condizioni, ci vuole sempre molta pazienza e comprensione da entrambe le parti.

6) Sei legato alla tua città o esiste un posto in cui preferiresti vivere?


Sono legato al mio paese fuori Torino dove sono nato e cresciuto, allo stesso tempo mi sento legato a diversi posti per me importanti, il paese d’origine dei miei genitori in Calabria così come mi sento legato a Londra dove ho vissuto molti anni. Però si, devo ammettere che quando sono fuori da un po’ e sento nostalgia di casa è a Torino che penso. Ultimamente sento di essere incuriosito anche da città più mediterranee come Palermo e Napoli che sto imparando a conoscere come allo stesso tempo da città con atmosfere più fredde come Amsterdam o Parigi. Sarebbe bello riuscire a vivere almeno per un periodo in ognuna delle città da cui ci si sente attratti, se c’è attrazione c’è sicuramente qualcosa d’interessante o importante che ci aspetta in ognuna di esse.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.