Passa ai contenuti principali

NUOVI DISCHI IN USCITA

Nonostante sia arrivato l'autunno, possiamo dire che Ottobre sarà un mese caldo, almeno dal punto di vista musicale.
Parecchie uscite interessanti sono infatti programmate in questo mese. 
Ve ne diamo un assaggio di seguito.


BEA ZANIN - “A Torino come va” (Libellula/Audioglobe) - release 7 ottobre
Esce il 30 settembre per Libellula/Audioglobe, con la produzione artistica di Diego Perrone (Niagara, Medusa, Caparezza) l’album d’esordio di Bea Zanin, cantautrice e violoncellista torinese, già attiva al fianco di Bianco, Daniele Celona, Luca Morino e molti altri. Dieci brani di grande impatto sonoro, in cui un electro-pop elegante con dichiarati richiami allo stile 80s e 90s si unisce al violoncello di Bea. Sullo sfondo la città della Mole e il suo fermento creativo.


FABIO MERCURI - “Progetti per il futuro” (Adesiva Discografica/Self)- release 14 ottobre
Esce il 14 ottobre per AdesivaDiscografica/Self il secondo album di Mercuri, cantautore leccese trapiantato a Milano con alle spalle una lunga carriera segnata da molteplici collaborazioni artistiche (Enrico Gabrielli, Xabier Iriondo, Mauro Ermanno Giovanardi, Diego Mancino ecc.). Il nuovo lavoro, prodotto artisticamente da Leziero Rescigno (La Crus, Amor Fou) e mixato e masterizzato da Paolo Iafelice (già al lavoro con Fabrizio De Andrè, Vinicio Capossela, Daniele Silvestri, PFM ecc.), racconta la dura lotta quotidiana tra divano e bicicletta.


MONICA PINTO - “Canthara” (Maxsound)- release 14 ottobre
“Canthara” è il disco d’esordio di Monica Pinto, artista che vanta una carriera ventenale in Italia e all’Estero, già fondatrice e cantante degli Spaccanapoli. Un lavoro fortemente evocativo a partire dal titolo, che unisce i due termini canto e hara, simbolo di due luoghi complementari dell’essere. Una “chanson elettronica” minimale, per dodici brani i cui contenuti guardano spesso alle filosofie orientali e attraverso i quali la cantautrice napoletana si reinventa in un progetto tutto in italiano. Tra gli ospiti del disco Fausto Mesolella (Avion Travel).


CLAUDIA MERGRE' - "Gioco ad estrazione" - release 28 ottobre 2016
Il ritorno sulle scene della cantante partenopea avviene sotto la direzione artistica di Nicolò Fragile. Un disco che tratta temi di vita vissuta con forza e passione, in cui è possibile trovare collaborazioni con molti artisti, tra cui Edoardo Bennato, con cui la Megrè ha inciso il classico "Le ragazze fanno grandi sogni".

LUCA FRATTO - "Ho visto" (Thisplaymusic) - release 10 ottobre 2016
E' già in rotazione nelle radio il nuovo brano del torinese Luca Fratto, che tratta il tema del tradimento e del perdono, attraverso quattro storie diverse. Un brano in cui si cerca anche di ridare importanza a valori importanti, tra cui la fedeltà.

MY ESCORT - "Riflessi",
Il nuovo singolo della band vicentina My Escort, è un brano che affronta temi di nostalgia, estratto dal disco "Canzoni in ritardo", un insieme di brani scritte tra il 1998 e il 2013 che raccolgono riflessioni a posteriori su alcuni legami precisi. La produzione artistica è stata seguita da Matteo Franzan (Sara Loreni, Lost, SuperWanted, Dardo Moratto, Take away).



Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.