Passa ai contenuti principali

L'INCUBO DI OGNI MUSICISTA

Il locale è pieno, la gente è accalcata e aspetta trepidante l'arrivo della band.

Finalmente le luci si spengono, i musicisti prendono posto, gli astanti gridano entusiasti e all'improvviso lui: il fischio stridente che buca il timpano.

Questo signori è il tipico effetto del cosiddetto Larsen o effetto di ritorno.


Il fisico Soren Absalon Larsen, fu il primo a scoprire il principio che ha poi preso il suo nome.

Questa nemesi, che perseguita i musicisti sui palchi di mezzo mondo, si manifesta quando i suoni emessi da un altoparlante tornano ad essere captati da un microfono.

Ogni volta che questo effetto si manifesta, vedrete qualcuno abbassarsi e tapparsi le orecchie, sentirete qualcuno chiedere in tono scherzoso di abbassare gli ampli, insomma la magia che sognavate di vivere col vostro live, viene compromessa.

Il Larsen è uno spettatore assiduo di concerti. Lo potete trovare spesso su piccoli palchi dove la distanza tra un ampli e un microfono, unita allo spazio a volte ridotto, può evocarlo.

E mentre qualcuno magari insulta la band per i volumi, l'uomo dietro al mixer a cui non state prestando attenzione, cerca di esorcizzare questa presenza regolando le frequenze.

Non tutto il male però, viene per nuocere. Così come la distorsione per chitarra è nata da un ampli rotto, il Larsen ha saputo col tempo fare amicizia con vari musicisti.

Alcuni infatti ricreano volutamente questo effetto, facendolo diventare parte di una composizione, come fecero i Beatles con "I feel fine" o vari guitar-heroes tra cui Jimi Hendrix, Steve Vai, Joe Satriani, ecc.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.