Passa ai contenuti principali

DJ NEJO - La sua intervista

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

Il fare musica è sottoposto a tutti gli aspetti negativi che vivono ogni giorno i liberi professionisti uniti al fatto di dover sottostare ai gusti di pubblici e addetti ai lavori non proprio preparati. Ma tutto questo non è neanche minimamente comparabile con la soddisfazione che ti dà creare qualcosa di unico, con uno stile che si perfeziona nel tempo e nel metterlo a confronto ogni volta nei contesti più diversi cercare sempre di spingere i propri limiti un po' più in là.

2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo?

Ci hanno sempre raccontato che la musica in TV non funziona, che si deve per forza sacrificare la performance all'evento, la qualità che lascia il posto al gossip. I talent sono un prodotto preconfezionato, sicuro, nel quale si fa il tifo come per una squadra di calcio. Non credo si debbano togliere di mezzo, ma sarebbe opportuno che ci fossero delle alternative.
Sappiamo bene che prendersi dei rischi, può essere costoso e con risultati spesso deludenti. Sta quindi  a chi vuole proporre qualcosa di diverso, trovarsi i propri spazi, le proprie nicchie di pubblico e convincere gli altri che qualcosa di interessante può essere altrove.
3) Credi che un artista debba schierarsi politicamente?/Approvi la politica nella musica?

La politica nella musica è una scelta come ce ne sono altre. Chi punta sull'aspetto fisico, chi sulla tecnica compositiva o nell'esecuzione, chi in un messaggio nelle proprie canzoni. L'importante è che sia una scelta consapevole e portata avanti con coerenza, altrimenti è pura ipocrisia. Niente in contrario quindi, anche se è una strada che preferisco evitare, perché la politica divide mentre la musica unisce.
4) Accetteresti di scendere a compromessi per raggiungere il successo o un pubblico maggiore?

I compromessi sono inevitabili e dobbiamo sopportarli tutti i giorni. Se vuoi fare questo lavoro devi sempre bilanciare soddisfazioni con marchette, serate appaganti con quelle in cui hai voglia di smettere. Queste non spariscono neanche ai massimi livelli, anzi forse la situazione peggiora. Il musicista, il DJ, non sono lavori come altri, ci sono le emozioni alla base, vibrazioni positive a cui non potrei mai rinunciare neanche per tutta la fama del mondo.
5) Pensi che il fare musica influenzi in qualche modo i rapporti con gli altri (famiglia, relazioni, amici, parenti)?

La musica inevitabilmente influenza i rapporti con gli altri e con il mondo circostante. Un Dj quando va a fare la spesa ha un orecchio puntato verso l'altoparlante e con l'occhio guarda se le persone reagiscono in qualche modo alla musica in sottofondo. Le relazioni personali poi sono decisamente sconvolte. E' una scelta di vita, la migliore di tutte :-)
6) Sei legato alla tua città o esiste un posto in cui preferiresti vivere?

Sono molto legato alla mia terra, al paese dove sono cresciuto, nel centro della Toscana. Un posto meraviglioso dove vivere, ma non magari per potermi esprimere al meglio con la mia musica. Sto girando molto negli ultimi tempi, Londra, Parigi, Amsterdam, per riuscire a canalizzare nuove influenze e affinare uno stile unico. Già dal prossimo anno potrei tornare a Montespertoli (provincia di Firenze) soltanto in vacanza :-D


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.