Passa ai contenuti principali

"Diffidate dalle imitazioni", anzi, diffidate proprio. [Riflessione personale per vivere meglio]


<il pubblico dà prova talvolta di una credulità senza limiti. Da  The Public relations Journal - Nel Saggio di V.Packard "I persuasori Occulti">

Saranno 3 o 4 anni che non sono più abituata a guardare la televisione. Non ce l'ho, proprio per scelta. E vi giuro che vivo benissimo, anche se ammetto che ogni volta che ci capito davanti, rimango lì imbambolata.
È proprio questo il punto: è un casino. Il rimane imbambolati intendo.
Ora, non intendo mettere su campo teorie psico-sociologiche sull'influenza televisiva e dei mass media sulla società, ma forse, perché no, fermarsi un attimo e riflettere.



Una delle teorie della comunicazione mediatica sostiene: "
(1967-1968):  che la tv è in grado di plasmare percezione, atteggiamenti, valori e comportamenti degli individui nei confronti della realtà, proprio per la sua natura di agente di socializzazione. Le immagini offerte dalla TV mostrano un ambiente simbolico della vita moderna, e vengono a lungo andare fatte proprie dagli spettatori. Questo finisce per creare schemi fissi e rigidi di una realtà semplificata e per molti aspetti irreale".
In questi giorni ho sentito spesso chiedersi, "ma come si fa? perché quello piange, ma perché fanno vedere queste immagini, ma perché mi bombardano con la pubblicità?"... E aggiungerei: "perché hanno tolto tutti quei bei programmi culturali/musicali/artistici che come superquark (e menomale che resiste!) ci lasciano incollati allo schermo in prima serata?" Perché, per dire, Mtv Italia chiude, trasmettendo solo boiate di reality, come si vedono spesso su altri canali, e abbassano tantissimo il nostro livello di commenti e considerazione della realtà? Ce lo siamo chiesti, no? Per Mtv, certo, con l'arrivo di YouTube non si poteva mica aspettare tutto il giorno per vedere un video in HeavyRotation... È una novità tecnologica...si va avanti.
Non è questo il punto? Siamo ancora capaci di fermarci un attimo e cercare di comprendere quanto tutto sia falso, progettato e deciso in precedenza (penso a tutti talent che ci propinano in tutte le salse)? 
Io sono per il diffidare sempre un po' dalle cose che si vedono.. La maggior parte delle persone che conducono i programmi (e pure quelli che ci piangono e ci urlano nei programmi) sono tutti bravissimi attori. Cerchiamo allora di essere più critici su quanto sentiamo e guardiamo: Come quando si va al cinema, no? Lo vai a vedere e sai che è pure finzione (a meno che non siano documentari, io penso). La TV non lascia il tempo alla nostra mente di reagire a quello che si vede, non è lineare come una storia o un film: Ci avete fatto caso? Anche il montaggio, come gli attori, assume una funzione importantissima, si parla qui di Fascinazione e quasi incapacità di riflessione personale. Chiamassi Strumento di persuasione, in primis.
Proviamo allora a vivere senza questo continuo rumore di fondo, parlare, suonare, cantare, leggere, uscire etc. Più si è fuori e più si capisce guardandolo, quanto tutto il mondo sia visto sempre come una tragedia o esageratamente esasperato.
Ci Basta provare. Basta pensare.
Basta riuscire a captare le informazioni più importanti e prendere tutto con le pinze. 
E Basta non tenere la TV come rumore di fondo. 
E Basta (!!!) indignarsi per cose viste in televisione (se è così, non guardiamola, no?) 
Avete mai visto The Truman Show? 
Ecco. Basta accorgersene e disintossicarsene. Sad But True. 

(Queste non sono considerazioni nuove, né tantomeno si vuole vincolare la libertà di nessuno. Ma non penso che dirlo o pensarlo una volta in più faccia male).

Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.