Passa ai contenuti principali

CAPOBRANCO - La loro opinione

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?


L’aspetto più bello che ci viene in mente può risultare abbastanza scontato: fare musica ti permette di vedere posti nuovi, fare conoscenze, e in generale vivere esperienze più o meno entusiasmanti esprimendo te stesso nel modo che più ti piace e al fianco di persone che apprezzi e con cui stai bene, i tuoi compagni di band. Se vogliamo, da questo deriva anche una delle cose negative: con questo lavoro ti esponi al giudizio del pubblico. Vale a dire che quello che fai può piacere come no e il successo, inteso come riscontro positivo, è tutt’altro che garantito. Non ce la si deve prendere, è normale. Diciamo che non è concesso essere eccessivamente permalosi in questo ambito e purtroppo di persone permalose ce ne sono fin troppe! 



2) I talent sono spesso criticati ma a vostro giudizio, perché riscuotono tanto successo? 

La prima parte della risposta la troviamo nella domanda stessa: i talent sono così criticati proprio perché hanno molto successo! Come tutto quello che ha molta visibilità, anche i talent portano un po’ tutti a voler dire la propria sull’argomento. E’ chiaro poi che i musicisti si sentano particolarmente toccati dall’argomento: dopo anni di gavetta con pochi risultati ci si può sentire scavalcati dagli “ultimi arrivati”, solo perché hanno avuto fortuna tramite questo canale.  

Il fatto è che i talent hanno successo perché propongono un riuscito mix tra qualcosa che piace sempre e che appartiene alla quotidianità di tutti, come la musica, personaggi scelti bene come giudici e il messaggio sullo sfondo che tutti i sogni si possano realizzare. Inoltre, questo è chiaro, hanno molta visibilità sui media. Però, come tutti i format televisivi, prima o poi stancheranno e passeranno di moda.
3) Credete che un artista debba schierarsi politicamente?/Approvate la politica nella musica?

Crediamo che non sia assolutamente un passaggio necessario, infatti è qualcosa che noi evitiamo di fare. E’ però apprezzabile quando un artista mette il proprio talento e la propria capacità comunicativa a disposizione di un messaggio: la cosa fondamentale per noi è che si tratti di un messaggio ragionato e intelligente e non asservito alla ripetizione di slogan e ideologie. A quel punto diventa fine a se stesso, perdendo di significato e risultando stucchevole. 

4) Accettereste di scendere a compromessi per raggiungere il successo o un pubblico maggiore?

E’ una bella domanda, chiaramente dipende da cosa si intende per compromesso. Se si parla di qualcosa di concreto, come cambiare città o darsi una ritoccata al look, ci può stare. Se invece ci riferiamo alla musica un po’ di flessibilità ci vuole, senza cedere all’orgoglio. Ma se si arriva a snaturare la propria personalità artistica, oltre a perdere di credibilità, prima o poi si diventa insofferenti verso quello che si sta facendo, perché smette di piacere. 

5) Pensate che il fare musica influenzi in qualche modo i rapporti con gli altri (famiglia, relazioni, amici, parenti)?

Assolutamente sì, per via del costante impegno richiesto. In famiglia un po’ tutti ti vedono come il fricchettone scansafatiche, almeno fino a che non arrivano i primi risultati concreti. Questo però è un discorso che non ci permettiamo di generalizzare perché dipende molto da caso a caso, come con le fidanzate! Invece tra prove e concerti nei weekend, soprattutto nei periodi di tour, gli amici li vedi un po’ meno, questo è chiaro. Però si tratta di un sacrificio relativo, perché si ha l’opportunità di fare incontri, a volte estremamente interessanti, che non sarebbero arrivati in altro modo. 

6) Siete legati alla vostra città o esiste un posto in cui preferireste vivere? 

La nostra città, Padova, ci piace e ci siamo legati. Tutti noi abbiamo girato il mondo, ma alla fine siamo ancora qui perché, oltre ai legami con amici e famiglia, ci troviamo bene. E’ scontato dire che ci sono posti più belli o che offrono opportunità maggiori per i musicisti, come tutte le metropoli: questo è ovviamente vero. Negli Stati Uniti anni ’80 a Los Angeles ci si arrivava a piedi pur di poter sperare di combinare qualcosa! Però vivere in altre città è qualcosa che abbiamo fatto e che non ha portato chissà che risultati e c’è anche da dire che la tecnologia della comunicazione ormai è arrivata al punto da rendere quasi insignificante la città di residenza.




Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.