Passa ai contenuti principali

TO BE LIVE - L'app per chi ama la musica

Quando si tratta di eventi, il nostro slogan è piuttosto chiaro: vivi dal vivo.

A pensarla così non siamo solo noi, infatti per chi ama la musica dal vivo, è nata TO BE LIVE (www.tobeliveofficial.it)la prima piattaforma digitale pensata appositamente per gli eventi musicali “live”. 




L’obiettivo del fondatore è sempre lo stesso: la condivisione libera a favore della qualità; anche stavolta però quello che cambia è il campo d’azione. "Il mondo della musica dal vivo è da sempre un territorio insidioso sia per chi la musica la fa, sia per chi l’ascolta", sostiene il fondatore dell'app Marco Battilocchi che prosegue: "Uno slogan di Radio101 recita che “La vita è troppo breve per ascoltare brutta musica”, proprio per questo forse c’era bisogno di un criterio di valutazione, di un regolatore del merito e della professionalità. Esperienze vissute da vicino mi hanno fatto osservare quanto ad oggi manchi la possibilità di espressione e giudizio nel contesto del “live”. Esistono diverse diatribe “ataviche” tra musicisti e quelli che volgarmente vengono definiti “localari”, a volte si pretende senza conoscere bene la realtà dell’altro e si viene a creare una distanza di pensiero incredibile, che non fa per niente bene al mondo della musica. Con To be LIVE vorrei introdurre una possibilità concreta, di libera espressione e giudizio tra i protagonisti , mi piacerebbe molto che il sito sia utilizzato per dire e ascoltare, per lasciare traccia della propria esperienza attraverso i voti e avere la possibilità di sapere cosa ne pensano gli altri di te. Non è detto che certe cattive abitudini – sia degli artisti che dei locali sia chiaro – non possano essere cambiate e che, attraverso la comunicazione, non si possa raggiungere un nuovo equilibrio nel contesto “live” a livello artistico e culturale».

Le premesse sono decisamente buone ma  l'app non si ferma qui. Con To be Live, sia i locali che gli artisti hanno la possibilità di mettersi in mostra. Grazie all’App – disponibile per Android e iOs – gli utenti possono usare il proprio smartphone per scoprire dove e quando suonerà il proprio artista preferito e, tramite la geolocalizzazione automatica dell’evento, farsi guidare dal navigatore e votarlo in diretta. Sul sito sarà sempre presente il calendario degli eventi “live” e, a margine di ogni performance, sia i locali che gli artisti possono esprimere una valutazione reciproca, mentre il pubblico può manifestare il proprio gradimento su entrambi. Il giro di votazioni genera appunto delle classifiche, così da dar vita a una divertente e utile gara di qualità.
Insomma, questo è ToBeLIVE: il primo “event network” italiano a disposizione di artisti, locali e amanti della musica.
Date le buone premesse, a noi non resta che fare un grosso in bocca al lupo a tutto lo Staff per la buona riuscita del progetto e farlo conoscere a chiunque ami la musica dal vivo,  invitiamo inoltre i nostri lettori ad andare a curiosare sul sito www.tobeliveofficial.it e a scaricare l’App (che ricordiamo è disponibile sia per Android che iOS scaricabile direttamente dal link www.tobeliveofficial.it/apps.html): gli eventi live direttamente sul tuo smartphone.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.