Passa ai contenuti principali

OTTAVIA BROWN

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? 
Sono convinta che fare musica è un privilegio, ogni arte che viene scelta come un lavoro diventa motivo di vita, di perfezionamento e quindi anche fonte di preoccupazione; scegliere la musica, come del resto la scrittura o la pittura, diventa una professione totalizzante che spesso non permette di staccare, si è sempre dentro, sempre.




2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? 
I talent sono una formula veloce, immediata che utilizzano la musica (come anche altre forme d'arte), per veicolare uno show basato sulla formula più antica di intrattenimento ovvero la competizione, la gara. Il publico si focalizza e si schiera con uno o più partecipanti e soffre/perde o esulta/vince; tutto è ben condito dai social, il tifo/votazione, gli aspetti sentimentali etc... i talent sono puramente degli show ben costruiti ecco perché hanno così successo. 3) Credi che un artista debba schierarsi politicamente?/Approvi la politica nella musica? 
Credo che un'artista ha il dovere di esprimere se stesso nella forma più autentica possibile; questo spesso coincide con esporsi su posizioni etiche o sociali spesso interpretate diversamente da chi segue o guarda o ascolta. Credo che l'arte "sana" sia miscelata da un buon equilibrio di espressione di sentimenti; se è un arte finalizzata solo a propaganda allora la sua funzione artistica che spesso è onirica e complessa viene subito a meno. 4) Accetteresti di scendere a compromessi per raggiungere il successo o un pubblico maggiore? 
Credo che quando un artista decida che le proprie opere diventino vendibili cercando un pubblico e selezionando acquirenti che capiscano e comprino significa che sta già accettando dei compromessi anche se non lo sa fino in fondo; credo che la cosa migliore sia valutare le varie tipologie di compromesso; quelle che snaturano troppo il proprio lavoro e lo rendono alla fine irriconoscibile e estraneo direi proprio che non vanno bene! se raggiungere un pubblico maggiore significa modificare la propria arte da renderla irriconoscibile allora non so se lo desidererei davvero; riuscire a farlo invece mantenendosi autentici sì ma non è per nulla facile| 5) Pensi che il fare musica influenzi in qualche modo i rapporti con gli altri (famiglia, relazioni, amici, parenti)?  
La scelta di vivere del proprio lavoro artistico è una scelta che a volte sacrifica le relazioni in generale; la quantità di tempo impiegata per fare questo lavoro totalizza molto la vita di chi sceglie questo tipo di carriera; credo che però si possa far entrare il resto dentro la propria arte anche ottenendo piacevoli e incredibili sorprese! 6) Sei legato alla tua città o esiste un posto in cui preferiresti vivere? 
No, non sono legata alla mia città in particolare ma a tanti luoghi diversi; spostarsi, muoversi e vivere in luoghi diversi porta ad esplorare ed arricchirsi artisticamente, cosa che nel nostro lavoro è fondamentale per nutrire l'ispirazione e ampliare la nostra valigia di cose da dire.

Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.