Passa ai contenuti principali

LOSBURLA - La sua intervista

Stupefacente!" è il secondo disco del cantautore torinese Losburla, che vede l’esordio come produttore artistico di Carmelo Pipitone, chitarrista dei Marta Sui Tubi. A tre anni di distanza dal fortunato esordio "I Masochisti" e a due dalla vittoria del Premio De Andrè con il brano "Dilettanti" in esso contenuto, Losburla torna con un lavoro più crudo, sporco e minimale rispetto al precedente.

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
Per quel che mi riguarda l'aspetto positivo di fare musica è l'atto stesso di farla. Mi piace suonare, scrivere canzoni, e mi piace tantissimo fare concerti. La musica fa parte della mia vita, farebbe parte della mia vita anche se non facessi dischi.
Sugli aspetti negativi glisso, se ne parla fin troppo e non ne posso più di gente che pontifica su cosa c'è di sbagliato e su cosa andrebbe fatto meglio, pensiamo positivo!

2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo?
Credo che riscuotano molto successo perchè sono degli show ben strutturati, ben prodotti, su cui molte persone competenti investono tempo, soldi e fatica per ottenere un prodotto di intrattenimento tecnicamente di alto livello che piaccia alla gente.
Sono molto criticati perchè molti, sbagliando, li considerano dei programmi "musicali", ma lo ritengo un grosso errore.
Il talent show è un prodotto di entertainement, l'obbiettivo non è diffondere musica, scoprire talenti (vengono per la maggior parte dei casi lanciati in quel che resta del mercato musicale dei prodotti discografici a breve scadenza) e in generale far bene alla musica, ma intrattenere.
Che poi qualche multinazionale della musica ci si aggrappi per raschiare il fondo del barile e guadagnare ancora qualche soldo, è tutto un altro discorso. La musica è musica, i talent show sono show televisivi, non basta qualche eminenza musicale a fare da giudice per cambiare questo paradigma.

3) Credi che un artista debba schierarsi politicamente? Approvi la politica nella musica?
Credo che ogni artista abbia il sacrosanto diritto di scegliere gli argomenti da trattare nei propri pezzi. Approvo la musica fatta bene e i testi intellettualmente onesti, che parlino di politica o di sciocchezze ma lo facciano in maniera onesta.
Per quel che mi riguarda la politica è un atto quotidiano, è impossibile tenerla fuori dalla musica che faccio.

4) Accetteresti di scendere a compromessi per raggiungere il successo o un pubblico maggiore?
Nel momento in cui non mi si chiede di modificare quello che ho messo nelle canzoni, o in generale di fare qualcosa che non mi va assolutamente di fare, per quel che mi riguarda ogni tipo di discorso può essere affrontato. Sono integralista nei confronti di me stesso, e non cambierei modo di pensare per raggiungere un pubblico maggiore, per il resto invece non mi pongo il problema. Non mi sento di appartenere ad un mondo piuttosto che ad un altro e non ho giurato fedeltà a nessun tipo di entità, per cui mi sento fondamentalmente libero di pensare ai cazzi miei.



5) Pensi che il fare musica influenzi in qualche modo i rapporti con gli altri (famiglia, relazioni, amici, parenti)?


Come dicevo prima la musica è parte integrante della mia vita, va da se che influenzi nel bene e nel male i miei rapporti con gli altri.
E' inevitabile che tutti quelli che mi stanno intorno debbano fare i conti con tutto il bello e purtroppo anche con tutto il brutto che un lavoro del genere trascina con sé. Spero sinceramente che chi mi vuole bene mi accetti comunque, anche se spendo soldi per gli strumenti, e sono impegnato nei week end.
Io comunque faccio sempre il possibile per controbilanciare,  cerco di essere buono, educato, ascoltare i fatti degli altri con smisurato interesse, non disturbare e non sporcare.

6) Sei legato alla tua città o esiste un posto in cui preferiresti vivere?


Vivo a Torino da quasi 15 anni, ci sto bene, mi sento a casa mia. La trovo una città bella, elegante, dinamica e allo stesso tempo discreta. E' una città da conquistare, sinceramente non sono nemmeno così sicuro di averla conquistata, probabilmente no, ma ci sto bene ugualmente.
Sono affezionatissimo anche al mio paese natale Costigliole e ovviamente ad Asti. Non a caso sono 3 luoghi sempre molto presenti dentro le mie canzoni; sono il mio mondo.



Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.