Passa ai contenuti principali

INDIE DISCHI di Marco Zuppa

E' il 4 Giugno del 1976 e a Manchester si tiene un concerto.
Un concerto come tanti. Poche persone sotto il palco a sentire 4 ragazzi che suonano punk.
Non sono i migliori musicisti del pianeta, però ci credono.
Loro sono i Sex Pistols e tra il pubblico quella sera, ci sono ragazzi che, sconvolti dalla loro furia, decidono di creare una band.
Così nascono Buzzcocks, Joy Division, Smiths, Fall. Quella sera erano tutti lì. 
Ragazzi pieni di sogni, in attesa di qualcuno che gli facesse vedere che erano tutti sogni realizzabili.
Il giornalista Tony Wilson di quel concerto ha scritto "Il vero rock'n'roll esiste quando qualcuno fa veramente sul serio, quando ci crede davvero".
Inizia quasi per caso.
Sono passati quasi 40 anni da allora.
Dopo le prove con la loro band, due ragazzi finiscono in un'osteria. Vedendo gli strumenti il gestore inizia a parlarci, gli propone di organizzare qualche serata e quello diventa il primo Indiependence Festival.
Da quel giorno nella testa dei due musicisti, si fa sempre più chiaro che i sogni sono realizzabili. 
Bisogna crederci per davvero.
Bisogna fare sul serio.
Grazie a molti locali amici la serata ha preso piede e molti gruppi hanno iniziato a scriverci per farne parte. Vedevamo molti gruppi validissimi senza etichetta né management. 
In loro abbiamo però riconosciuto quella stessa voglia di fare sul serio e da quell'idea nasce Indie Dischi. 
Un'etichetta che vuole essere casa per i musicisti, che spinga le persone di talento a lavorare insieme in armonia.
Da questo mese saremo finalmente operativi, con un blog rinnovato, una pagina FB dedicata e con la presenza al Fim di Erba (CO). 
Il nostro roster comprende 4 gruppi di cui siamo orgogliosi ed entusiasti: 


La famiglia si espanderà quindi mandateci via messaggio sulla nostra pagina i vostri progetti.
Non siamo la Universal né la Warner ma facciamo veramente sul serio. 
Ci crediamo davvero.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.