Passa ai contenuti principali

CAPPADONIA - L'intervista

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
La musica ti salva la vita ma può anche volerti morto. Esattamente come una passione amorosa fortissima e definitiva. La musica è Arte, non bisogna dimenticarlo. E l'artista deve dedicarsi totalmente a ciò che crea e vivere sulla sua pelle il significato delle sue opere nel bene e nel male. In ogni passione c'è il lato più bello e profondo di scoperta, piacere e appagamento, come possono essere i successi, i concerti, il divertirsi in tour e l'essere apprezzati. Ma anche il lato più oscuro di mancanza, dolore e paura, fondamentali a volte per creare cose meravigliose. Senza questi 2 aspetti non c'è arte ne' musica.





2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo?Riscuote successo lo spettacolo televisivo. E lo riscuote perchè non c'è una alternativa. C'è il disinteresse più totale per la musica nel vero senso del termine. Bisogna spettacolarizzarla per la TV ed ecco i talent. Che nulla hanno a che vedere con il mondo reale delle gavette durate anni, a volte anche decenni, vissuti su un furgone o sui palchi in attesa di riuscire ad avere qualche piccola soddisfazione con la musica. Quando ero teenager alcune Tv italiane avevano programmi “poveri” che ospitavano di pomeriggio i live di Placebo o Radiohead, ed erano linfa vitale per i ragazzini annoiati dai compiti a casa. E' cambiata la promozione è cambiato il consumo, quindi è anche legittima l'esplosione dei talent che invece sono spettacoli televisivi patinati e fatti comunque benissimo, che esercitano il loro fascino presso le nuove generazioni (ormai non più tanto nuove) del pubblico televisivo.

3) Credi che un artista debba schierarsi politicamente? Approvi la politica nella musica?
Credo che un artista debba essere libero nella maniera più totale di esprimere qualsiasi opinione o punto di vista, a parole o tramite la propria arte. Ovviamente chi usa la politica per avere più visibilità o fare gioco facile mi fa un po' sorridere. Chi invece ha un enorme visibilità secondo me ha il dovere morale di non chiudersi nella sua bolla. 



4) Accetteresti di scendere a compromessi per raggiungere il successo o un pubblico maggiore
Di sicuro non cambio pettinatura. No.

5) Pensi che il fare musica influenzi in qualche modo i rapporti con gli altri (famiglia, relazioni, amici, parenti)?
Si, senza ombra di dubbio. Gli aspetti sono tantissimi e diversi per le persone che ti circondano. Spesso non tutti capiscono l'importanza e ciò che può significare dedicare la propria vita alla musica. È qualcosa che se non l'hai dentro non la puoi capire. Quindi è abbastanza difficile che fidanzate, fidanzati e famiglia accettino le tue priorità . A volte è dura farsi prendere sul serio anche dagli amici, ma per fortuna (al momento) io sono abbastanza fortunato.

6) Sei legato alla tua città o esiste un posto in cui preferiresti vivere?Io sono di Messina ma vivo da quasi 13 anni a Bologna, e al momento non c'è altra città in cui preferisca vivere. Ha una magia che mi ha rapito da subito ed è possibile restare sempre in movimento e in sintonia con l'arte e le persone. La consiglio.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.