Passa ai contenuti principali

ANONIMA NOIRE - L'incontro

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

Non possiamo rispondere completamente a questa domanda, perché se fai musica lo fai per necessità, è un bisogno. Quindi il lato positivo nel fare musica è proprio “fare musica”.
Almeno per ora, non vediamo aspetti negativi nel farlo.




2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo?

I talent, già. Iniziamo dicendo che  secondo noi ci sono cose più interessanti fuori dai talent che dentro. Comunque sembra che tutti stiano sempre a criticarli, ma alla fine sono sempre lì. Vuol dire che la gente li segue, alla gente piacciono. Quindi invece di criticarli, potremmo smettere di parlarne del tutto, magari funziona. Poi, diciamo che per noi il talent musicale è più televisione che musica, perché alla fine, pensandoci bene, neanche tutti i vincitori hanno avuto un reale successo musicale. A parte tre o quattro di loro, sono tutti caduti nell’oblio dopo poco tempo. Quindi ci viene da pensare che fossero più interessanti nell’ambiente televisivo che in quello musicale. Difficile dire con esattezza perché hanno avuto e stanno ancora avendo successo. Magari noi qualche idea ce la siamo fatta, ma la teniamo per noi.
Comunque dovremmo tutti andare alla ricerca della bella musica, la musica che ci piace davvero, delle belle cose e non starcene seduti ad aspettare che qualcuno ci dica cosa ascoltare.

3) Credi che un artista debba schierarsi politicamente?/Approvi la politica nella musica?

Noi, almeno per il momento, non abbiamo mai trattato temi politici e non sentiamo il bisogno di schierarci politicamente o parlare di politica nelle nostre canzoni, ma ogni musicista, come qualsiasi artista in generale, crea per esprimere qualcosa, quindi è ovvio che approviamo la politica nella musica.
4) Accetteresti di scendere a compromessi per raggiungere il successo o un pubblico maggiore?

Questa è una domanda molto interessante. La risposta che tutti potrebbero aspettarsi è
“certo che no!”. Ma non viviamo nelle favole, viviamo in un momento storico in cui siamo saturi di qualsiasi cosa ed emergere è complicato. Non solo nella musica, ma in molti altri settori. Al giorno d’oggi non basta “fare” belle cose, ma bisogna anche sapersi vendere (attenzione, vendere, non svendere). Detto questo, la risposta sincera alla domanda è: “bisogna vedere di che compromessi parliamo”. Crediamo che tutti abbiano dovuto scendere a patti con qualcuno e qualche compromesso sia inevitabile per arrivare a certi livelli. Livelli in cui ci sono sicuramente un sacco di interessi intorno alla musica di un gruppo. Ovvio che nel momento in cui questi compromessi vadano a “snaturare” troppo il proprio modo di essere e il modo di fare musica, per noi sarebbe complicato, anzi, probabilmente impossibile accettarli.

5) Pensi che il fare musica influenzi in qualche modo i rapporti con gli altri (famiglia, relazioni, amici, parenti)?

Certo, avere un gruppo, fare musica, è una cosa molto impegnativa se fatta con serietà. Questo vuol dire dedicare il proprio tempo libero principalmente a questo. Immaginiamo che costruire una famiglia propria e fare musica non sia semplice, ma per ora nessuno di noi tre ha fatto questo passo. Per quanto riguarda genitori e amici, abbiamo sempre avuto aiuto e sostegno da loro e in generale, le persone intorno a noi se possono ci danno una mano. Quindi no, per ora fare musica non ha influenzato i nostri rapporti con gli altri.

6) Sei legato alla tua città o esiste un posto in cui preferiresti vivere?

Diciamo un po’ tutte e due le cose. Ovviamente ognuno di noi ha una città preferita, una città dov’è stato e vorrebbe tornare o magari vivere. Quelle città che magari ti piacciono senza neanche sapere il perché, sai solo che lì ci stai bene e hai belle sensazioni. Berlino per Mirco, Londra per Niccolò (dove ha avuto la fortuna di viverci per un anno intero ai tempi del conservatorio) e Parigi per Andrea. Queste sono le nostre città preferite, ma onestamente siamo molto legati al nostro piccolo ma bellissimo paese, quindi almeno per ora non ci lamentiamo e ce lo teniamo stretto.



Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.