Passa ai contenuti principali

1919 - INCONTRIAMO LA STORICA PUNK BAND INGLESE di Marco Zuppa

1) Avete suonato per più di 20 anni. Quali cambiamenti avete notato nell'industria musicale?

20? Che gentile da parte tua! A dire il vero il primo singolo di Mick (il batterista) è stato pubblicato nel 1979 con Psykik Volt e i 1919 li formò l'anno successivo. Quindi siamo più vicini ai 40 anni... ma abbiamo un aspetto molto giovanile.
Venendo alla domanda, l’ambiente è cambiato, è quasi irriconoscibile. Le registrazioni un tempo erano al 100% dal vivo, non come ora ma, naturalmente, adesso è molto più semplice registrare ed editare i brani. Noi abbiamo cercato di restare fedeli alla vecchia scuola, mantenendo un sound live anche nelle nostre registrazioni più recenti.
Di contro, ogni aspetto del marketing, distribuzione, vendita al dettaglio è stato completamente rivoluzionato. Internet ha dato la possibilità ad un sacco di band di farsi vedere, portando però ad un alto livello di saturazione. Non abbiamo alcuna figura John Peel ora, che ha speso la sua vita spingendo nuove leve senza pregiudizi ...  lui ci ha dato la nostra occasione ed anche a tanti altri. Sarebbe interessante vedere ciò che il suo ruolo sarebbe ora se fosse ancora in giro.



2) Avete suonato in molti paesi diversi. Notate una differenza nel modo in cui il pubblico vive la musica dal vivo da paese a paese?

Assolutamente. Di solito incontriamo un molto più vivace in Europa continentale che a casa. Forse questa è una cosa culturale, ma c'è sicuramente una differenza di età troppo alta. A casa suoniamo per un sacco di gente, che ci ricordano dagli anni '80, ma abbiamo incontrato un sacco di fan più giovani sulla strada – dobbiamo davvero ringraziare internet per questo.
Quando abbiamo iniziato, non abbiamo mai suonato al di fuori del Regno Unito. Non molte band al nostro livello hanno intrapreso tour all’estero. Ci sono voluti 30 anni per uscire fuori dal paese! Ma abbiamo apprezzato ogni minuto della nostra carriera.

3) C'è una teoria che sostiene che i problemi e le difficoltà in una società, incoraggiano le persone a formare bands e suonare dal vivo. Pensi che i cambiamenti della società possano influenzare la formazione di nuove band?

Decisamente. Si potrebbe dire della maggior parte delle forme d'arte, ma probabilmente si nota di più nelle band. Si tratta di un gruppo sociale, è una ambizione di carriera, ed è uno strumento incredibile per un giovane per dare un senso al proprio mondo. Anche ora la catarsi non ha rivali.
Ecco perché così tante band nascono nel disagio, dove c'è la disoccupazione, o semplicemente niente altro da fare! Si fa musica come reazione alla società e la musica migliore sarà poi in grado di influenzare la società di rimando.


4) Un aspetto positivo e uno negativo del fare musica?

Sono la stessa cosa veramente ... è l'unica cosa che abbiamo e noi saremmo persi senza di essa, ma questo è ciò che rende le esperienze che abbiamo avuto così preziose.

5) Che rapporto avete con i social media. Pensate che Facebook, Twitter, ecc, abbiano cambiato il rapporto tra band e fan?

Ci ha aiutato avere Rio (cantante n.d.r.) intorno ad aiutarci ad entrare in questo mondo, ora siamo tutti abbastanza in grado di gestire i nuovi mezzi di comunicazione. In un primo momento ci siamo avvicinati ai social per necessità, ma onestamente è stato tutto molto positivo.
Abbiamo ricevuto un sacco di messaggi dai fan, a cui rispondiamo puntualmente. Siamo sempre felici di sentirli ed è bello essere in grado di vedere la reazione di un nuovo video o foto in tempo reale.

6) L’Inghilterra ha dato alla luce un sacco di band incredibili e iconiche. Qual è il vostro segreto?

Segreto? Siamo abbastanza aperti davvero ... si torna a quello che dicevamo in precedenza. L’Inghilterra, l'intero Regno Unito, infatti, ha una iper-consapevolezza di classe. Questo tipo di sbornia medievale di re e regine, signori e cavalieri. E 'stata la contrapposizione perfetta per i paesaggi postindustriali squallidi da cui siamo emersi noi ed un sacco di nostri coetanei.

Le cose sono cambiate molto, ma in generale il mondo è sempre fottutamente pazzo, così come è sempre stato ... peggio per certi aspetti! Finché le cose restano così, dovremo fare buona musica come antidoto. E se questo è il caso peggiore, allora è anche il migliore.

Sito ufficiale: www.1919official.co.uk/


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.