Passa ai contenuti principali

15 COSE CHE NON SAPEVI DEI TUOI GRUPPI PREFERITI

A qualunque genere siate votati, qui potrete trovare pane per i vostri denti.
Si va da pappagalli che cantano al sesso in diretta. 





Ecco a voi la nostra classifica:

1 - La teen band 'N Sync, ha partecipato alle riprese di "Star Wars II: L'attacco dei cloni" La figlia di George Lucas, lo ha infatti implorato per includere la sua band preferita nel film. Il regista ha acconsentito, per poi eliminare la scena in fase di montaggio. Cuore di padre.




2 - Il gruppo D12 era nato con l'intenzione di scovare 12 rappers di Detroit. Ne trovarono solo 6 e quindi ricorsero ad altrettanti alter ego. E' da questa operazione che nasce lo "Slim Shady" di Eminem.




3 - Johnsi, cantate dei Sigur Ròs dimenticò le parole di una canzone durante un concerto in Francia, quindi intonò le parole:" Merda, ho scordato le parole della canzone ma posso fregarmene, tanto sono in Francia e nessuno mi capisce".




4 - Grazie ad un'esenzione per gli artisti, gli U2 non pagarono tasse in Irlanda, fino al 2006. Quando la cifra raggiunse i 315.000 €, preferirono spostare i loro conti in Olanda, invece di affrontare le tasse derivate dalle vendite dei dischi nel loro paese.




5 - Kirk Hammet e Cliff Burton, rispettivamente chitarrista e bassista dei Metallica, erano soliti giocarsi a carte il miglior posto sul tour bus. Una sera Burton battè Hammet costringendolo a cedergli il suo posto. Quella sera il bus ebbe un incidente e Burton morì.




6 - Per la serie "tesori nascosti", i Led Zeppelin e i Black Sabbath suonarono insieme per una jam session. Il tutto fu registrato ma mai pubblicato.




7 - Esiste una band metal di nome Hatebeak, il cui cantante è un pappagallo grigio africano.




8 - Nel 2002, la band Creed fece uno show talmente brutto alla Allstate Arena in Illinois, che il pubblico intero gli fece causa, per una cifra di 2.000,00 dollari.




9 - i Beastie Boys, erano soliti aprire i loro stessi concerti, travestiti da band metal.




10 - In preda ad una sbronza Mick Jagger chiamò il batterista della band Charlie Watts nella sua camera di albergo chiedendogli: "Dove sta il mio batterista?". Watts riagganciò, andò nella camera di Jagger, gli diede un pugno in faccia e gli disse: "Non chiamarmi mai più il tuo batterista. Sei tu che sei il mio cantante."
Meglio di Clint Eastwood.




11 - La musicassetta di "I'll never stop" degli 'N Sync, detiene il primato di vendite degli anni 2009, 2010 e 2011. Nei tre anni sono state vendute rispettivamente 24, 13 e 11 copie. Numeri da far girare la testa.




12 - In "Rocket Queen" dei Guns' n Roses, si possono sentire due persone fare sesso. La registrazione è reale ed immortala Axl Rose, mentre fa sesso con la ragazza di Steven Adler, il batterista della band. Evidentemente un tizio non geloso.




13 - Nel 2008 si svolse il "Festival of the fuck bands", cui parteciparono gruppi come Fucked Up, Holy Fuck o Fuck Buttons. Si tenne nella città di Fuckin, in Austria. Fuck




14 - Il cantante Tom Waits, ha scritto una canzone che si chiama "The fall of Troy". Il gruppo post hardcore The fall of Troy, ha scritto una canzone che si chiama "Tom Waits".




15 - Quando nacquero gli Arctic Monkeys, nessun membro della band sapeva suonare uno strumento.







Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.