Passa ai contenuti principali

10 ATTORI FAMOSI CHE NON SAPEVI ESSERE ANCHE MUSICISTI

Attori di talento e musicisti ricercati. Ecco la nostra compilation con i volti noti del grande schermo, che si sono fatti valere anche sul palco in qualità di musicisti.

Ryan Gosling

Il protagonista del pluripremiato Drive, ha collezionato una serie di ruoli che lo hanno portato alla ribalta come giovane attore di talento ma suona l'ukulele ed il basso e con l'amico attore Zach Shields, ha fondato il gruppo Indie Dead Man's Bones.


Johnny Depp

Il più famoso è senz'altro il fascinoso pirata Johnny Depp, noto per i suoi ruoli sul grande schermo e per dividere il palco con Eddie Vedder, Alice Cooper, Joe Perry ed altri mostri sacri del rock, cui ha prestato più volte le sue doti di chitarrista.


Hugh Laurie

Il suo Dr. House ha lasciato il segno nella tv, ma la musica lo ha segnato molto prima della recitazione. Infatti ha iniziato a studiare il piano all'età di 6 anni. Suona anche la chitarra, l'armonica, la batteria ed il sassofono. 


Steve Martin

L'attore americano ha iniziato a suonare il banjo quand'era un teenager e nel 2002 ha vinto anche un Grammy con la sua esecuzione di "Foggy Mountain Breackdown".


Miles Teller

Pur non essendo ai livelli del personaggio interpretato in Whiplash, Miles Teller è un buon batterista. Nonostante sembra sia un completo autodidatta, è riuscito a caratterizzare benissimo la filosofia "no pain no gain" alla base del film. Il resto è dovuto alla sua indubbia capacità di attore.


Gary Busey

Il protagonista del cult-movie "Un mercoledì da leoni" è stato anche un apprezzatissimo Budy Holly nel biopic del 1978. Per interpretare il giovane Buddy, l'attore ha dovuto perdere molto peso e, cosa più impressionante, ha cantato e suonato tutti i brani eseguiti nel film. Una performance che gli valse una meritatissima nomination si Grammy Award.


Holly Hunter

Nel film "Lezioni di piano", la sua performance le ha fruttato un meritatissimo Oscar. Oltre ad aver imparato il linguaggio dei segni per il ruolo, l'attrice ha infatti suonato i brani nel film. Doppiamente toccante.

Jeff Bridges

Ormai per tutti è il Drugo ma Bridges è anche un cantante e chitarrista country. Non a caso il ruolo di Bad Blake in Crazy Hearts resta una delle sue performance migliori.


Clint Eastwood

L'attore e regista è solito comporre anche le colonne sonore di alcuni suoi film. 
Tra tutti il tema de "Gli Spietati", vera ciliegina sulla torta di un capolavoro.


Antonio Banderas

Mariachi di nome e di fatto, prima di iniziare a sfornare biscotti ed a parlare con le galline, il nostro Desperado ha dato prova delle sue abilità chitarristiche nei film di Rodriguez, dedicati a mariachi pistolero.


La nostra classifica è finita ma una menzione di onore va ad altri 3 personaggi.

John Carpenter

Regista di cult movie come "La Cosa" e "Grosso guaio a Chinatown", è anche un apprezzato musicista che compone le colonne sonore dei suoi film, capace quindi di caratterizzare sia in immagini che in musiche le sue visioni.




Chirstopher Lee

Il compianto attore, deceduto all'età di 93 anni, ha collezionato una serie infinita di ruoli iconici. Non molti sanno che è anche stato un grande appassionato di musica metal ed ha inciso il suo ultimo disco, poco prima di morire.


Keanu Reeves

L'attore è noto per i suoi ruoli di poche parole e maniere spicce ma, al contrario di quanto appare sullo schermo, sembra sia un vero cuore d'oro, capace di grandi gesti e di profonda umanità. Inoltre è anche stato il bassista della band Dogstar. 




Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.