Passa ai contenuti principali

SULLA STRADA PER CALCUTTA di Marco Zuppa

Parliamo di un pellegrinaggio.
Non verso la città di Calcutta, bensì verso un concerto di Edoardo D'Erme, in arte appunto, Calcutta.

E' il pellegrinaggio che molti hanno provato ad intraprendere ieri sera, per vedere l'autore (attore?) di Mainstream in concerto al museo Ettore Fico di Torino.





La serata, organizzata dal To-Days Festival, si preannunciava alquanto interessante. Non capita tutti i giorni di vedere l'enfant prodige della musica indie, in concerto con un coro gospel. Per di più gratis.

E qui, forse proprio in quella piccola parola, risiede il vero problema.

Gratis.

Sono le 21:00, la fila è già lunga e le transenne arrivano a delimitare solo pochi metri dall'ingresso. 
Alle 22:00 è prevista la distribuzione dei biglietti per l'ingresso, gratuito e consentito solo fino a esaurimento posti.

Alle 21:30 uno dei volontari ci avvisa che dalla nostra posizione, riusciremo comunque ad entrare.

Finalmente le 22:00. Inizia il pellegrinaggio. Ci si avvicina poco, un passo alla volta ed in modo poco ordinato. 

L'assenza di transenne a delimitare una coda si fa sentire, considerato che una parte della fila sosta in mezzo ad una strada e prosegue per due isolati.

Gruppi di persone si aggregano in modo disordinato, passando da un posto all'altro e rendendo impossibile mantenere un ordine.

Arrivano le 22:30 e con loro, la notizia che i posti sono esauriti. 
Ci troviamo a più di 20 metri dall'ingresso.

I volontari e gli addetti, gentili e competenti, ci spiegano che non c'è modo di entrare.

Qualcuno protesta, qualcuno si rifugia al bar, qualcuno va a vedere John Carpenter, leggenda vivente inclusa sempre nel cartellone del To-Days.

Qualcuno scrive. Su Facebook iniziano a comparire dei post polemici (pochi) per via della scarsa organizzazione.

Alla fin fine, ci si disperde. E' andata male, sarà per un'altra volta. 
Alla fin fine, non è costato nulla, era gratis.

Gratis. 

Il pubblico ha una sua logica ed una sua dignità. Un concerto gratis, non è una concessione. E' un'iniziativa dell'organizzazione e va organizzata con tutti gli accorgimenti del caso.

Non si tratta di essersi persi un concerto, quello lo si può mettere in conto.
A far indignare di più, è stato l'essere superati.
L'essere lasciati indietro e non considerati.

Senza ordine né vigilanza. 

C'erano alternative, certo. Accrediti on line, ritiro di un biglietto a persona all'apertura della biglietteria, prenotazione via mail, ecc.

Tutto preferibile alla logica della massa che si accalca e si supera, senza considerazione.

Sono piccole cose paragonate alla vastità dell'universo, però hanno la loro piccola importanza. 

Io non mi arrabbio, guardo e penso che mi piacerebbe entrare e parlare con la ragazza dai capelli rossi che ho visto vicino all'ingresso ma lei è dentro e io no. 

Quindi giuro che ritorno a casa e mi guardo un film, magari "Grosso guaio a Chinatown".




Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.