Passa ai contenuti principali

OGNI PUBBLICO HA LA MUSICA CHE MERITA di Marco Zuppa

Pochi giorni fa ho letto questo articolo comparso su Linkiesta, in cui si analizzavano sorti e misfatti del Pop italiano odierno.

Pur apprezzando l'articolo nel suo insieme, mi è sembrato giusto fare una considerazione.
Sotto un certo aspetto, infatti, concordo sul fatto che gli artisti facciano ormai fatica a leggere nella società, perdendo così la capacità di creare testi e musiche di spessore. Dove mi sento di dissentire è quando si imputa all'invasione delle tv commerciali, dei talent e della musica "usa e getta", la colpa di questa crisi.





Certo quel tipo di produzione non aiuta sul versante artistico, ma c'è da dire che non vuole essere arte. 

Inutile quindi puntare il dito sul Rovazzi di turno. Un Rovazzi c'è sempre stato e ci sarà sempre. In passato è stato Francesco Salvi con "C'è da spostare una macchina" ed a seguire fu il turno di Mandi Mandi e la sua "Sei bellissima e simpaticissima". 

Musica usata per giocare, divertire. Nulla che dovrebbe in realtà preoccupare chi si annovera tra gli artisti veri. Quelli che, stando all'articolo citato, sono messi in ombra dai meccanismi moderni.

Certo oggi si preferisce esporre merce di facile presa, ma non dimentichiamoci che la possibilità di scegliere c'è. Siti, blog, pagine facebook, il web brulica di realtà artisticamente valide che fanno di tutto per farsi notare. 

La verità è che anche noi, il pubblico, spesso preferiamo lasciarci trasportare dal video consigliato da Youtube, dal link sponsorizzato e simili.
Invece dovremmo ritrovare la voglia di cercare, indagare e scoprire così tutto quel talento che viene (questo sì) insabbiato da tv e compagnia varia.

Ogni pubblico ha la musica che merita, quindi invece di puntare il dito su cosa non va, preferisco segnalarvi qualcosa che secondo me è bello, originale e che a noi della redazione piace.

A voi, buon ascolto.

Hoax: un gruppo che miscela funk, rock e testi cantautorali, con un all'attivo un concept-album che gira intorno alla figura della Musa ispiratrice.



Miriam Gallea: classe 1992, Miriam può vantare una formazione musicale completa e profonda. Scrive brani in cui si percepiscono influenze folk e blues.



I Nemici: pochi gruppi possono vantare di saper tenere un palco in due come fanno I Nemici. Testi ironici e mai banali, per riflettere con leggerezza.



Cado Nello Specchio: un gruppo che canta di piccole rivoluzioni quotidiane. Quelle che ogni tanto dovremmo combattere tutti.






Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.