Passa ai contenuti principali

ASEREJE VS. GREASE

Dolceacqua, Liguria. Relax di vacanza. Da una parte il borgo storico abbarbicato sulla collina dominata dal castello, dall'altra lo splendido colpo d'occhio del torrente Nervia che allarga generoso le dolci acque. 


Il bar in cui sto prendendo il caffè è pressappoco dove due secoli fa Claude Monet dipingeva lo stesso splendido paesaggio che ho di fronte.

Ma non è d'arte, cultura e paesaggi che vado ragionando. Le casse del bar diffondono a volume apprezzabile le canzoni delle Las Ketchup, indimenticate meteore del pop che nel 2002 spopolarono in tutto il mondo con la canzonetta Asereje. È stato il tormentone più massiccio degli ultimi anni, dopo di loro nessuno ha avuto proporzioni paragonabili. Prima di loro forse la Macarena, la
Lambada.





Questo bar aveva proprio il cd, quindi mi è toccato ascoltare il disco intero, che contiene quattro o cinque versioni diverse della stessa Asereje. I tormentoni fanno un effetto strano riascoltati dopo molti anni: spesso viene da pensare “Questa merda non era poi malaccio”.

Ma non è di revisionismo pop che vado ragionando. Di colpo mi accorgo di un particolare che nel 2002, in mezzo all'ascolto ignorante collettivo di un'estate in cui limonavo non poco, mi era sfuggito.

Grease. John Travolta. Olivia Newton John. L'inizio del pezzo, quel groove di basso ballerino benché leggermente rallentato, quella frase di chitarra che ricopia esattamente il primo verso di You're the one that I want, “I've got chills... they're multiplying...”: uguale identico. Ecco l'illuminazione, sinapsi neuronali, bingo.

Perché Asereje ha fatto breccia come un coltello nel burro? Probabilmente perché a livello subliminale ci era già familiare. Il nostro cervello l'ha riconosciuta come “positiva” fin dai primissimi secondi della canzone, perché aveva già un esempio simile in archivio. Da lì in poi ha dilagato.

Il discorso non è limitato beceramente al pop. Anche nel rock, nell'indie, costruiamo i nostri gusti in base al “già sentito” metabolizzato dai nostri ascolti. L'attrazione o no per una canzone nuova dipende delle combinazioni di note di cui abbiamo già esperienza. Gruppi e cantautori fanno lo stesso, rielaborando e riscaldando senza neanche farlo troppo apposta (tranne Zucchero, ovviamente) la “loro” minestra di ascolti.

Ma coglierli con le mani nella marmellata è una delizia. In una mattina di ozio estivo in un incantevole borgo ligure va bene anche Asereje.



Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.