Passa ai contenuti principali

8 COSE CHE NON SAPEVI SULL'ASCOLTARE MUSICA

Ascoltare musica potrebbe essere una cosa più articolata di quanto si pensi.
Ecco a voi gli 8 studi più arditi e particolari, condotti su questo argomento. 


1- Ascoltare musica triste, provoca più nostalgia che tristezza

Secondo uno studio pubblicato da PLOS  One, ascoltare brani tristi, genera molte emozioni tra cui nostalgia e tenerezza, oltre a donare un senso di pace.




2-Non decifriamo le parole a causa delle aspettative che nutriamo nei confronti di un brano o di un artista

Mark Liberman, un professore di Linguistica dell'Università della Pennsylvanya, afferma che solo una parte di ciò che comprendiamo, è determinata da ciò che ascoltiamo. Il resto viene influenzato dalle nostre idee ed aspettative su un cantante o su un brano musicale. 




3-La sovraesposizione ad un brano, ci fa credere che quella canzone ci piaccia anche se non è così

In un suo saggio, la direttrice del Laboratorio sulla cognizione musicale dell'Università di Arkansas, Elizabeth Margulis, spiega perché la ripetizione ci fa piacere una determinata musica. Secondo Lei infatti, ascoltando ripetutamente un brano, si ottiene come conseguenza, una maggior percezione o una maggior confidenza con una canzone. Gli ascoltatori tendono erroneamente ad attribuire questa "maggiore fluidità percettiva", alla qualità del brano, invece che alla sovraesposizione a cui sono stati sottoposti.




4-Ripetere i ritornelli è l'ingrediente segreto di ogni Hit

Stando ad uno studio condotto dall'Università del Nord Carolina: "maggiori sono le volte che si ripete il ritornello, maggiore è la semplicità del brano, maggiori sono le possibilità che faccia successo". Secondo questo studio, le possibilità di canzone di scalare una classifica, si intensificano del 14,5% per ogni ripetizione del ritornello.




5-La canzone inglese più orecchiabile è già stata scritta

E non l'hanno scritta i Beatles. Stando infatti ad un campione di 12.000 persone intervistate dal MOSI di Manchester, la canzone più orecchiabile del Regno Unito è Wannabe delle Spice Girls. 




6-La semplicità premia

PLOS One ha infatti osservato che le vendite di un album di qualsivoglia genere, aumentano proporzionalmente alla semplicità dei brani contenuti in un disco.
Ci sarebbe da chiedere cosa ne pensano gruppi come Dream Theater o Rush in merito......





7-La musica che ci emozione ci rende più generosi

E' quanto sostiene il giornale Frontiers in Pychology, secondo cui si è indotti a dare più soldi, ad esempio ad un mendicante, se sentiamo una canzone che ci piace in sottofondo. Bisogna dire però che al test hanno preso parte solo 22 persone......




8-Le mucche producono più latte quando ascoltano musica rilassante

La fonte è nientedimeno che la BBC, che ha diffuso i dati di uno studio effettuato su 1.000 mucche, le quali hanno incrementato del 3% ogni giorno la produzione di latte, ascoltando musica rilassante.






Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.