Passa ai contenuti principali

QUARZOMADERA - LA LORO OPINIONE

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

Ce ne sono parecchi, sia in un caso che nell'altro.
Se dovessimo sceglierne uno solo in positivo diremmo la possibilità di trasmettere sensazioni, vibrazioni, emozioni e messaggi contemporaneamente a più persone, che è poi tipico di questa espressione artistica.
Quello forse più evidente in negativo è che l'impegno profuso per raggiungere tale scopo porta spesso al sacrificio di altre attivita che potrebbero essere utili, sia sotto l'aspetto pratico che quello economico: noi siamo però dell'idea che un individuo debba essere se' stesso fino in fondo e seguire i percorsi che più gli appartengono, dettati dal suo istinto.

2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo?

Io credo che in realtà molti artisti, affermati o in erba, si astengano ancora dal criticarli perchè in fondo questo potrebbe arrecare più di un danno a se' stessi, dato che una concreta possibilità di affermazione non è certo un'opportunità da buttare (nonostante una vittoria o un secondo posto non garantiscano certo il successo, stando alle statistiche) e per loro è sempre meglio lasciare delle porte aperte, in prospettiva di possibili partecipazioni. La gara, la competizione e le polemiche hanno da sempre un buon seguito in TV ma l'agonismo ci sembra un aspetto più proprio dello sport, nella musica non ci ha mai divertito o interessato particolarmente.





3) Credi che un artista debba schierarsi politicamente?/Approvi la politica nella musica?

Se fare politica significa esprimere in modo forte e chiaro le proprie idee o denunciare determinate situazioni lo trovo più che lecito e nel nostro caso, dato che vogliamo sempre affrontare temi precisi nei nostri testi, anche doveroso. Se invece ciò significa necessariamente sponsorizzare o fare da portavoce ad un determinato partito politico questo ci trova meno d'accordo, ma ovviamente ognuno è libero di fare come crede

4) Accetteresti di scendere a compromessi per raggiungere il successo o un pubblico maggiore?

Non abbiamo mai pensato di farlo neanche all'epoca dei nostri esordi, tanto meno ora: ci sentiremmo dei burattini, non persone libere.

5) Pensi che il fare musica influenzi in qualche modo i rapporti con gli altri (famiglia, relazioni, amici, parenti)?

Per esperienza pesonale direi di si, si crea sempre una certa forma di distacco tra il musicista/ artista e chi non considerandosi tale per forza di cose deve frequentarlo: forse in alcuni casi è anche una questione di invidia verso chi porta avanti sempre e comunque con determinazione un'attività informale e anticonformista come la nostra, senza scendere a compromessi. Poi ci sono probabilmente ancora i molti luoghi comuni sul fatto di essere dei musicisti che suggestionano alcune persone. Comunque ci siamo abituati da tempo e non ci facciamo più caso

6) Sei legato alla tua città o esiste un posto in cui preferiresti vivere?

Credo ci siano tanti posti migliori dove vivere e con più opportunità rispetto ai nostri, ma ci affascina anche la sfida di portare avanti idee e convinzioni in luoghi non particolarmente ricettivi sotto questo punto di vista. A volte è troppo semplice scappare da situazioni avverse o comunque non favorevoli senza tentare di migliorarle: chissà che un po' alla volta non si riesca a cambiare qualcosa.




Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.