Passa ai contenuti principali

OVERLOGIC - LO LORO OPINIONE

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?
Un aspetto positivo, forse il più importante, è proprio nella vostra domanda. Fare musica è già una cosa magnifica, stai creando qualcosa di tuo, che sia fruibile a tutti o ad una nicchia. La musica è un’infinità di linguaggi. Essere parte integrante di questo processo dev’essere l’ABC di ogni compositore.
Per continuare il discorso, possiamo dire che un aspetto negativo risiede nella ricezione della musica. L’epoca in cui siamo non ci è molto a favore. La maggioranza delle persone di un ipotetico pubblico sono pigre e bombardate dalla tv spazzatura, mosse soltanto dagli stessi 4 nomi che rimbalzano nelle radio e nei concerti.  Siamo saturi, sappiamo che c’è troppa carne al fuoco al giorno d’oggi. Ma costruire un pubblico attivo così è quasi impossibile, se non con vari calci nel sedere. 
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo?
Il successo dei talent è dovuto principalmente sotto l'aspetto del marketing,  quindi a fini commerciali. Di arte c'è molto poco, sono programmi studiati per fare un tot di ascolti e per un tipo di pubblico che ti segue per la durata del programma. Non sono fatti per lanciare talenti della musica, sarebbe un paradosso. Il loro successo sta proprio nella loro funzione mediatica, poi se un'artista per visibilità vuole "apparire" è una sua scelta, ma secondo noi non è l'ambiente giusto per chi vuole esprimersi liberamente.
3) Credi che un artista debba schierarsi politicamente?/Approvi la politica nella musica?
Non crediamo che l'artista debba schierarsi politicamente, deve essere libero di esprimersi, poi se prendiamo il concetto di politica nel suo significato stretto (ovvero attività di opposizione)  allora ci trovi d'accordo, ma non deve appartenere a uno schieramento o sostentamento di un qualsiasi partito o coalizione, siamo musicisti prima di tutto.
4) Accetteresti di scendere a compromessi per raggiungere il successo o un pubblico maggiore?
No. E non serve aggiungere altro. Chi con passione fa ciò che più gli piace, non ha bisogno di scendere a compromessi. Questo vale nella musica come in ogni altra cosa,  il pubblico questo lo sa e alla fine col tempo si vede da che parte si sta.
5) Pensi che il fare musica  influenzi in qualche modo i rapporti con gli altri (famiglia, relazioni, amici, parenti)?
Sì, dipende come, soprattutto se riesci ad esprimere qualcosa. Questo vale per tutto. Però, a livello di rapporti umani non crediamo che le persone a cui tieni si comportino in base a ciò che fai, se suoni o meno. Pensiamo che gli importi, ma a livello marginale.  Se cambiassero i rapporti in base a quello che fai, ci sarebbe qualcosa che non va fin dal principio.
6) Sei legato alla tua città o esiste un posto in cui preferiresti vivere?

Ti confessiamo che più che Viverci ci piacerebbe Visitare le città portando li la nostra musica, dalle nostre italiane alle città europee, ci stiamo lavorando, per lo meno l'obbiettivo dopo l'estate è quello. Dopo forse torneremo a casa.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.