Passa ai contenuti principali

ENZO SAVASTANO - CORSO PER ASPIRANTI NEOMELODICI

La sua "Canzone Indie" ha raggiunto la vetta delle classifiche mondiali non appena pubblicata. L'intera scena non ha potuto ignorare questo fenomeno virale ed oggi, il massimo esponente della "Neomelodic way of life" Enzo Savastano, risponde alle nostre domande per cercare di riportarci sulla retta via.
Forse non riuscirà a dissuaderci dall'usare gli stessi 4 accordi, i maglioncini sdruciti e i sinthy ma di certo presteremo la massima attenzione alle sue parole. Silenzio in sala signore e signori, sale in cattedra il Maestro.



    1)  Buongiorno Sig. Savastano, quali sono i requisiti per definirsi un autentico “Cantante Neomelodico”?

Il cantante neomelodico doc deve fidarsi molto degli occhiali che indossa. Nel momento in cui si è stabilito questo feeling si può cominciare a ragionare. Fatto kuesto, bisogna dedicarsi al rito neomelodico per eccellenza. Il matrimonio. Se si sopravvive al primo matrimonio dove si viene invitati a cantare, allora si può dire: “ok, questo è il mestiere che fa per me”. Tutto il resto è talento.

    2) Come si pone un esponente della cultura neomelodica nei confronti dei talent show?

Io mi pongo male. Un giorno mio figlio Enzo Junior mi ha detto “Papà, voglio fare X factor”. Da quel giorno non ci rivolgiamo più la parola. Per me la gavetta è più sacra di mio figlio. Kuesto se lo deve mettere in testa. Tant’è che se n’è andato di casa. Ha vinto un talent in sud America e adesso fa il personal trainer in una palestra di Vicenza. Come volevasi dimostrare. O gavetta, o niente.

    3) Qual'è il segreto per scrivere una perfetta canzone neomelodica?

Una notte, avevo dodici anni, mi stavo ritirando da solo a casa. Kamminavo nella squallida periferia di Dubai, sfidando le carcasse degli animali morti e la puzza di kebab andato a male. Mi ferma un santone del posto. Mi riconosce. Avevo cantato al battezzo della nipote. Mi dice: “Prima di venire a vivere in Medioriente, avevo casa a Caivano. Ero cintura nera di neomelodico. L’altro giorno ti ho sentito esibirti. Tu tieni talento. Ma ti manca la ricetta per fare una canzone di successo. Butta una mano in tasca. E tra una serie di skontrini di autogrill, tira fuori un foglio scritto a penna. “Ricetta per un pezzo neomelodico: 100 gr di amore, una spruzzata di rancore, due tocchi di gelosia d’annata. Insaporite il tutto con sdegno, tenacia e passione. Lasciate cuocere a fuoco lento. Servitela ancora bollente”.

    4) Guida all’ascolto: quali brani consiglia di ascoltare il Maestro?

La mia playlist preferita: “L’infermiera di notte” – Gianni Celeste, “Nun riattaccà“ – Nancy e Salvatore Avallone, “Suite per violoncello” – Johan Sebastian Bach, “La locomotiva” – Francesco Guccini, “Tuo padre non vuole” – Raffaello.

    5) La canzone più bella scritta su Napoli?

Quella che ancora deve essere scritta.


Commenti

  1. Grande! Dove insegna il maestro? Dove possiamo seguire un suo corso? Con il mio gruppo "brezz: viento da munnezz" vorremmo perfezionarci. Maestro vieni a sentirci! Domenica sera al Frascale di Borgo Appio (CE), Sagra del capitone del Volturno.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.