Passa ai contenuti principali

ALKENE - L'INTERVISTA

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica?

Sicuramente l'aspetto positivo del fare musica è la possibilità di esprimersi e la cosa più bella è sentire il pubblico percepire, consciamente o meno, quel tipo di comunicazione. Significa riuscire a creare un collegamento diretto con un altro individuo in un modo altrimenti impossibile se non attraverso l’arte: senza conoscere nulla dell’altro, riuscire ad emozionarlo. E forse è un tipo di astrazione che a volte sentiamo necessaria, per confermare la propria umanità (di chi crea e di chi fruisce della creazione) e riconoscere o solo ricordarci l’esistenza di aspetti universali che ci uniscono, dato che invece troppo spesso la comunicazione strettamente verbale ci separa. L'aspetto negativo è che non sempre si arriva come e quanto si vorrebbe, ma questa imprevedibilità fa parte del gioco. 

2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo?

Ci sono sicuramente una serie di fattori e sarebbe ingenuo pensare che evidentemente alla base c’è una forma di proposta (anche musicale) qualitativamente adatta al pubblico a cui si propone. Sicuramente la componente di “reality” aiuta a creare un’empatia molto forte tra partecipante e spettatore, altrimenti difficilmente raggiungibile in modo così profondo, sviluppando un tipo di comunicazione estremamente emozionale: non a caso qualsiasi prodotto genericamente “pop” ha alla base una comunicazione che funziona, ancor prima di un intrinseco valore qualitativo. In quanto prodotto (forse soprattutto) televisivo, probabilmente i talent riscuotono tanto successo anche per una componente estetica, data dall’abbondanza di luci, colori e coreografie: la musica è marginalmente parte di questo spettacolo. E poi al giorno d'oggi ci sono giudici dappertutto: probabilmente c'è una certa "Shadenfreude", al pubblico piace “il giudizio” soprattutto se sopra le righe e spiccatamente negativo.  

3) Credi che un artista debba schierarsi politicamente? Approvi la politica nella musica?

Molti aspetti della vita quotidiana sono fortemente influenzati dalla politica: l'artista ha la possibilità e forse in alcuni casi la responsabilità di dare visibilità a certe questioni che troppo spesso la politica ignora e nel nostro piccolo, anche noi in alcuni frangenti l’abbiamo fatto. In un certo senso torniamo alla prima domanda, ovvero agli aspetti positivi del fare musica: sicuramente poter dare visibilità a certe tematiche è uno di questi. La misura in cui la politica debba far parte della propria arte rimane una scelta personale e soggettiva e, se sincera, francamente non criticabile. 

4) Accetteresti di scendere a compromessi per raggiungere il successo o un pubblico maggiore?

Sarebbe facile rispondere "mai" ma il punto è un altro: scendere a compromessi snaturerebbe il nostro modo di essere? Se la risposta è no, allora qualche compromesso si può accettare.

5) Pensi che il fare musica influenzi in qualche modo i rapporti con gli altri (famiglia, relazioni, amici, parenti)? 


Sicuramente. Fare musica vuol dire spendere molte energie e tempo, che viene sottratto alle nostre relazioni. Infatti non crediamo sia retorica menzionare per primo nei ringraziamenti di ogni lavoro chi ogni giorno ci sta intorno e ci sopporta e supporta.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.