Passa ai contenuti principali

EUGENIO RODONDI - Conosciamolo

1. Come vorresti si chiudesse la tua carriera musicale, ossia, che obiettivi vorresti raggiungere nella musica?
Prima di chiudersi vorrei ben sperare che si possa aprire. Non ho obiettivi specifici per il lungo termine ma senz'altro in un futuro prossimo spero di riuscire a dedicare la maggior parte delle ore della giornata a questa attività. La carriera di molti si misura sul numero di dischi venduti, sul numero di persone presenti durante i live, sul numero di “zeri” del proprio cachet. Io semplicemente mi auguro di poter essere influente all'interno del mondo della musica e delle parole. E' in questo senso che intendo la carriera.


2. Preferisci suonare in studio o live e perché? 
Preferisco suonare in studio, nel senso che preferisco registrare materiale nuovo. Certamente nei live c'è il pubblico che in studio manca, ma c'è da tener conto di una semplice cosa: quando suoni delle canzoni durante i live, vuol dire che oltre ad averle scritte, le hai anche registrate e provate migliaia di volte e spesso capita che la freschezza dell'interpretazione si perda.
Lo studio invece mi da quel brivido del nuovo, e soprattutto mi da il tempo di poter modificare un'idea, cosa che nella diretta del live non può accadere.
Aggiungi che probabilmente ho molta paura di sbagliare davanti a terziquindi scelgo lo studio come rifugio preferito.

3. Un artista della scena di Torino che ti piace e perché? 
Torino è una città molto interessante a livello musicale, soprattutto in questo periodo, mi sembra che si stia vivendo una buona primavera. Ci sono tanti artisti che stimo, che conosco, con cui alla lunga diventi anche amico.
Se dovessi scegliere un nome, una di quelle cose del tipo l'artista che porteresti con te sull'isola deserta, ecco, sceglierei Fra Diavolo (Andrea Calabrò), un personaggio che dai primi ascolti mi ha travolto col suo carattere artistico. E' una persona che mi fa venire i brividi quando lo ascolto durante i suoi live, cosa che mi capita meno con altri. Dopo qualche anno che ci conoscevamo abbiamo provato a scrivere una canzone insieme ed è uscita “Canzone moschina”, uno dei pezzi più fortunati del mio ultimo disco.
4. Un artista della scena di Torino che non ti piace e perché? 
Se un artista non mi piace tendo a dimenticarmi anche come si chiama, quindi non saprei dirti. Scherzi a parte, non ho artisti specifici che non mi piacciono, posso dirti i generi a cui sono meno affine, ma credo si capisca da sé ascoltando la musica che faccio.

5. Quale locali consigli di frequentare a chi vuole suonare e/o vedere concerti? 
I locali (a Torino credo) più interessanti per poter ascoltare buona musica sono senz'altro l'Hiroshima Mon Amour e lo Spazio 211 (dove suonano i “big”) e poi ci sono locali che si sono creati un'identità valida in pochi anni, come le Officine Corsare e il Cap 10100. Un locale a cui sono molto affezionato è il Bazura, dove ho ascoltato tanti live interessanti, purtroppo ha chiuso pochi mesi ma sono convinto che riaprirà con una carica ancora più intensa.
Per poter suonare non saprei, ognuno ha i suoi preferiti, io come dicevo mi trovavo bene al Bazura, ma anche al Lanificio mi sono sempre sentito a casa e circondato da bella gente.

6. Una canzone che vorresti aver scritto e perché? 
Ce ne sono tantissime che avrei voluto scrivere io, che cambiano in base al periodo che stai vivendo. Esistono tante canzoni perfette, di cui essere invidiosi e per rispondere alla domanda, in questo preciso periodo della mia vita, ti rispondo con “Una giornata al mare” di Paolo Conte, perchè la trovo una canzone magnetica nella sua semplicità.

7. Una canzone che vorresti non aver scritto e perché? 
Anche in questo caso ci sarebbe tanto materiale da citare. Credo che una delle canzoni più brutte che abbia mai ascoltato sia “i vecchi” di Baglioni. Personalmente mi sarei vergognato di inserire un pezzo così in un disco. La prima volta che l'ho ascoltata ero imbarazzato per lui.

8. Qual è il compito di un artista secondo te e che importanza ha oggi? 
Il compito di un artista è essere artista, e cioè vedere dove gli altri non vedono ancora, anticipare i tempi, essere criticato per poi diventare idoli dopo la propria morte. Io di artisti fino ad ora credo di non averne mai conosciuti personalmente. Sono d'accordo con Moravia, quando al funerale di Pasolini diceva che di poeti ne nascono pochi ogni secolo, ma tipo due o tre. Ecco, credo che con gli artisti (di cui i poeti fanno parte) succeda più o meno la stessa cosa. L'importanza che hanno gli artisti oggi è la stessa che hanno avuto in ogni epoca, credo.

9. Cosa pensi della scena musicale di Torino? 
Come dicevo sopra, credo che a Torino si stia vivendo una stagione primaverile, piena di novità, di freschezza, e vedo anche una nuova partecipazione da parte del pubblico. Il mio augurio più grande (che non riguarda solo Torino) è che la musica contemporanea non arrivi solamente agli addetti al settore. La musica, come ogni forma d'arte, dovrebbe essere fruita principalmente dalla popolazione generale, cosa che vedo accadere poco, soprattutto con la musica indie.

Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.