Passa ai contenuti principali

EMANUELE VIA - CONOSCIAMOLO

Come vorresti si chiudesse la tua carriera musicale, ossia, che obiettivi vorresti raggiungere nella musica?

In un certo senso vorrei che non si chiudesse mai, sarebbe bello arrivare ad essere un vecchietto felice che continua a strimpellare quel che riesce!
A parte gli scherzi, il mio sogno è fare colonne sonore per qualche grosso film, nel frattempo imparo e cerco di adattare la mia musica a scene che mi immagino, però sarebbe bello farlo per il cinema.

Preferisci suonare in studio o live e perché?

Dipende molto dalle situazioni, non c'è qualcosa che preferisco, cambia l'approccio. In studio cerco sempre di sperimentare e provare diverse soluzioni, durante il live mi piace presentare ciò che secondo me è il risultato migliore.


Un artista della scena di Torino che ti piace e perché?

Mi piacciono Bianco e i Nadar Solo, per i testi molto chiari e gli arrangiamenti ben fatti. Poi li conosco di persona e sono ragazzi eccezionali.

Un artista della scena di Torino che non ti piace e perché?

A questa domanda non posso rispondere, non esiste un artista che io possa disprezzare.

Quale locali consigli di frequentare a chi vuole suonare e/o vedere concerti?

Ci sono un sacco di locali interessanti, fra cui le OfficineCorsare, il CAP 10100, l'Hiroshima e tanti altri. A Torino per fortuna l'interesse per i live non manca mai.

Una canzone che vorresti aver scritto e perché?

Non so se sarei in grado di scrivere testi, ma di brani strumentali che vorrei aver scritto ce ne sono parecchi, fra tanti di Ennio Morricone o Brian Eno. Ancora ne devo fare di strada!

Qual è il compito di un artista secondo te e che importanza ha oggi?

Oggi un musicista non può permettersi di pensare solo alla sua fase creativa ma deve fare un grande sforzo per promuoversi in continuazione. La concorrenza è spietata e il pubblico va cercato, coccolato, informato e incuriosito, se no si rischia di farsi dimenticare in fretta o di non farsi conoscere proprio.

Cosa pensi della scena musicale di Torino?

Torino credo sia in una fase di splendore dal punto di vista musicale. Intendo dire che rispetto ad altre città italiane l'interesse per i concerti è molto più sentito. Le serate sono sempre abbondanti, gli artisti locali numerosi, il pubblico molto curioso.
Ad alcuni sembrerà normale ma non è affatto cosi, i ragazzi che vivono a torino sono molto partecipi e si affezionato ai progetti, tanto di più se emergenti.



Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.