Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2016

EMANUELE VIA - CONOSCIAMOLO

Come vorresti si chiudesse la tua carriera musicale, ossia, che obiettivi vorresti raggiungere nella musica?
In un certo senso vorrei che non si chiudesse mai, sarebbe bello arrivare ad essere un vecchietto felice che continua a strimpellare quel che riesce! A parte gli scherzi, il mio sogno è fare colonne sonore per qualche grosso film, nel frattempo imparo e cerco di adattare la mia musica a scene che mi immagino, però sarebbe bello farlo per il cinema.
Preferisci suonare in studio o live e perché?
Dipende molto dalle situazioni, non c'è qualcosa che preferisco, cambia l'approccio. In studio cerco sempre di sperimentare e provare diverse soluzioni, durante il live mi piace presentare ciò che secondo me è il risultato migliore.

IN SEGRETO di Marco Zuppa

Quella dell'Easter Egg (l'uovo di Pasqua) è una tradizione millenaria che affonda le sue radici nei secoli dei secoli e di cui, a noi, non frega un accidente.

Perché i soli Easter Eggs che ci interessano, sono quelli più noti come "contenuti nascosti".

Saprete certamente che a volte nei dischi o nei dvd, vengono nascosti contenuti speciali supplementari a quelli ufficiali.

Cliccando in giro per i menù potreste scoprire curiosità interessanti.

EUGENIO RODONDI - Conosciamolo

1. Come vorresti si chiudesse la tua carriera musicale, ossia, che obiettivi vorresti raggiungere nella musica? Prima di chiudersi vorrei ben sperare che si possa aprire. Non ho obiettivi specifici per il lungo termine ma senz'altro in un futuro prossimo spero di riuscire a dedicare la maggior parte delle ore della giornata a questa attività. La carriera di molti si misura sul numero di dischi venduti, sul numero di persone presenti durante i live, sul numero di “zeri” del proprio cachet. Io semplicemente mi auguro di poter essere influente all'interno del mondo della musica e delle parole. E' in questo senso che intendo la carriera.

ILA ROSSO - Conosciamolo

1. Come vorresti si chiudesse la tua carriera musicale, ossia, che obiettivi vorresti raggiungere nella musica?

Vorrei che la mia musica potesse essere, in qualsiasi modo, 'utile' a qualcuno.
2. Preferisci suonare in studio o live e perché?

Sicuramente dal vivo, situazione in cui hai un rimando immediato da parte del pubblico.
3. Un artista della scena di Torino che ti piace e perché?

Mi piace Willi Peyote, che trovo intelligente e simpatico, oltre che bravo a scrivere i testi.
4. Un artista della scena di Torino che non ti piace e perché?

Al momento nessuno, diciamo che reputo una serie di progetti 'fine a se stessi', ma non ti dico i nomi...
5. Quale locali consigli di frequentare a chi vuole suonare e/o vedere concerti?

Attualmente i circoli Arci, offrono una programmazione varia e ricercata (almeno alcuni) e spesso l'ingresso è libero.

CROWDFUNDING: ECCO PERCHE' DOVREBBE SOSTITUIRE LE MAJOR di Marco Zuppa

Alzi la mano chi di voi conosce Hellboy.

Ok, così non vale. Facciamo che chi di voi non lo conosce o non lo ha mai letto, condivide questo articolo.
Se anche non siete appassionati del fumetto col diavolo dalla mano di pietra, potreste aver incrociato questo personaggio al cinema.
Hellboy è stato infatti protagonista di due (bei) film del regista messicano Guillermo Del Toro.

Ad interpretare questo simpatico anticristo in entrambe le occasioni, l'ottimo Ron Perlman.
Ecco, proprio lui è stato la fonte di ispirazione per questo articolo.
I primi due film su Hellboy, seppur compiuti, lasciano un interessante spiraglio verso un ideale terzo capitolo che però non è mai stato realizzato.