Passa ai contenuti principali

QUANDO MORRICONE AVEVA RAGIONE di Marco Zuppa

No, non è l'ennesimo articolo sulla bagarre "Morricone/Subsonica".

In questo articolo vogliamo ricordare e riflettere su altre affermazioni che il Maestro ha rilasciato proprio il mese scorso. Affermazioni giuste.

Per farlo dobbiamo tornare al 20 Gennaio 2016, data in cui il Maestro ha detto la sua in merito all'insegnamento della musica nella scuola italiana.

E lo ha fatto con una lettera al Messaggero. La posizione di un grande della musica sulla scuola e l'insegnamento, ha certamente peso. Infatti la notizia ha avuto il giusto risalto su vari blog e siti.


Nella sua lettera Morricone la dice chiara: la scuola italiana sbaglia metodi di insegnamento. 

A suo dire esistono solo due metodi validi per l'insegnamento. Quello messo a punto da Carl Orff e quello di Boris Porena.

Il primo aveva studiato il cosiddetto "Schulwerk", un metodo a misura di bambino. Un metodo che ci focalizzava sulla ricerca dell'elementarità.

Il secondo riteneva che l'apprendimento musicale fosse un elemento emozionale e non meccanico.

In entrambi i casi, si può parlare di pionieri dell'insegnamento. Soprattutto per essere riusciti a capire una cosa fondamentale: l'importanza di imparare fin da piccoli.

La scuola, si sa, non naviga in buone acque. Mancanza di fondi, inadeguatezza delle strutture e anche la carta igienica non c'è più.

Eppure è una cosa necessaria e come tale, viene riempita di materie che trasmettono concetti essenziali.

Essenziali alla formazione culturale, alla ricerca di un lavoro futuro, insomma a tutte quelle cose che serviranno a farsi strada nella società.

La musica spesso, non è tra queste.

Sono sempre maggiori i casi in cui la musica nelle scuole non trova spazio e quando lo trova, non è vista come un momento in cui i ragazzi possono formarsi e lavorare insieme.

Mancano librerie di opere classiche da far ascoltare e studiare. Mancano libri e metodi aggiornati che interessino, invece di allontanare gli alunni dalla materia.

E dire che oggi per avere delle librerie da ascoltare basterebbe una connessione internet......

La ragione di tutto questo l'abbiamo già detta. Mancanza di fondi, strutture, ecc.

Eppure non riesco a non pensare che il nostro tessuto culturale abbia un ruolo di rilievo in tutta questa situazione.

Perché allontanare i ragazzi dalla musica non è vista come un'emergenza. Se avete amici musicisti chiedetegli quante volte si sono sentiti dire frasi del tipo: "Una cassetta degli attrezzi ti farà fare più soldi che quello strumento". 

Da noi la verità è che ci vuole fare il musicista è visto come un illuso. Intanto se vuoi fare musica vuoi fare il cantante. Pensare di fare il chitarrista o il batterista è pura follia (per molti almeno). Sono ruoli secondari, spesso in ombra.

Nella musica poi si entra per raccomandazioni, spinte, pagando. Non è una carriera. 

L'arte da noi non è un lavoro.

Mi torna in mente Edoardo De Filippo che ne "L'Arte della commedia", si lamentava proprio di come, nell'abbecedario, mancasse la professione di attore.


Certo perché vivere di arte, non è contemplato.
Nella sua lettera al Messaggero Morricone fa notare come in Germania la musica nelle famiglie sia molto più diffusa che nel resto del mondo.

Lì si continua a preservare la Storia della proprio cultura anche tramite lo studio di Bach o Wagner.

Da noi questa cosa manca. Eppure ne avremmo di Storia da preservare con orgoglio. Rossini, Donizetti, Albinoni solo per citarne alcuni. E la lista è lunga, molto lunga.

Invece preferiamo adagiarci sulle melodie di facile presa alla Giovanni Allevi e aspettare che sia il solito Festival di Sanremo a farci scoprire un Ezio Bosso.

La verità è che se continuiamo a sottovalutare l'importanza della musica, a livello sia sociale che culturale, non facciamo altro che impoverire la nostra nazione minando proprio i nostri bambini.

Le scuole dovrebbero cercare l'appoggio di altre strutture, formate e capaci.
Come la GM Drum School il cui folle progetto è quello di avere una batteria in ogni scuola. Non c'è bisogno di assumere un maestro come Jack Black (anche se ci sarebbe da augurarselo).

La situazione è triste ma anche pericolosa. 
Nietzsche sosteneva che "Senza la musica la vita sarebbe un errore".

Invece un proverbio giapponese recita "Tutti commettono errori, per questo c'è una gomma per ogni matita". 

Speriamo di trovare alcune di queste gomme, prima o poi, nelle scuole italiane.




Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.