Passa ai contenuti principali

La nostra recensione: DAVID BYRNE - COME FUNZIONA LA MUSICA

Indagine tecnica ma appassionata sul mondo della musica.

Il titolo sembra pretenzioso. Pensare infatti di poter spiegare come funziona la musica non è un compito semplice.

Neppure se a provarci è David Byrne. 

Frontman dei TalkinHeads prima e artista solista a tutto tondo poi, Byrne ha dedicato tutta la sua vita alla musica, al suo studio ed alla sua composizione.
In questo libro ha riassunto tutto il risultato di una ricerca che dura da un vita.

Chi si aspetta un'autobiografia in cui si snocciolano aneddoti fini a sé stessi, resterà deluso.

Qui non siamo di fronte a una rockstar in cerca di scandalose recensioni.

L’approccio dell’autore è decisamente più scientifico.




Byrne infatti analizza con attenzione il modo in cui la musica si è evoluta, sia dal punto di vista dell’artista che dal punto di vista dello spettatore/ascoltatore che ne fruisce, approfondendo anche l’evoluzione del tessuto sociale di questo meraviglioso fenomeno. 
Lo stile di scrittura non risulta pesante, anzi, traspare come vi sia del genuino entusiasmo alla base di questa ricerca.

Da buon musicista, Byrne ha ben presente come costruire interesse e portare al climax in modo graduale. Ecco quindi che nei 10 capitoli che lo compongono il libro esamina il processo creativo, sviscerando come l'evolversi di tecnologie lo abbiano influenzato. Prendendo inoltre spunto dalla sua personale esperienza, l'autore fornisce spunti ed esempi utili sia su come affrontare una performance live che su come funziona il mondo del music business. Una menzione particolare la merita senz'altro il capitolo dedicato a come si sviluppa una scena in una città. 

Nelle sue 344 pagine, "Come funziona la musica" racchiude una quantità di informazioni che lo rendono una lettura completa, dall'approccio analitico e misurato.

Un libro che certamente non mancherà di interessare gli “addetti ai lavori” ma che potrebbe essere approcciato anche da chi nutre una sana passione per questa forma d’arte.

Certamente una lettura tecnica, si potrebbe definire un saggio autobiografico ma per chi scrive, dovrebbe essere elevato a libro di testoper tutti i musicisti o studiosi della materia.


Il nostro voto: 8/10

Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.