Passa ai contenuti principali

CON IL CORAGGIO DELL'INDIEPENDENZA di Marco Zuppa

Questa non è la recensione di un concerto. 
Non è neanche un articolo per fare pubblicità al nostro blog. E' qualcosa di diverso.

Questo è un atto di coraggio. 

Lo scorso 8 gennaio alle Officine Corsare si è tenuto un concerto con 6 band. Niente di nuovo insomma, eppure c'era qualcosa di più. L'aria era elettrica, i presenti affamati di musica, hanno riempito il posto e seguito tutti i set con partecipazione e interesse. I gruppi hanno dato il massimo e la voglia di musica ha dominato su tutto. 


Non credete che ci voglia coraggio? In una situazione in cui ognuno cerca acquirenti per sè stesso un gruppo di artisti ha accantonato i propri interessi personali per un bene maggiore. 
Tutti loro hanno contribuito a consolidare un'idea. Hanno dimostrato quanto sia grande il potere di un gruppo di persone armate di sogni e chitarre. 

Perché queste sono le sole armi che abbiamo per contrastare il mondo, la solitudine, i problemi e le pene d'amore. E sono armi letali perché parlano di emozioni alle emozioni, perché portano a pensare e a sorridere e ti fanno abbracciare la tua ragazza anche se avete appena litigato o ti fanno pensare alla tua ex. Sono tutte emozioni a cui non si può restare indifferenti. 

E così ci siamo fatti cullare dai canti densi di sentimento di Marco Maino e Anna Scolaro, abbiamo sorriso della nostra concezione di persone comuni grazie alla sagacia di Loris Dalì.
Ci siamo fatti trasportare da Bluebell and Perry fino in Alabama dove il blues affonda le sue radici. Ci siamo lanciati al ritmo della Danse degli Adam Smith e abbiamo inneggiato ad una Rivoluzione d'Amore con i Cado nello Specchio. 
Pierangelo Iozzia ed il complesso QRS ci ha ricordato come la tradizione popolare possa dire ancora tanto ed essere anche un passo avanti a tanto pop moderno e scontato. 
Per finire i sapori caraibici dei Dagomago hanno regalato l'ultimo giro di ballo su una spiaggia calda, all'ombra di una palma. 

Chi è stato presente potrà confermarvi che non ha visto solo un concerto, ha vissuto delle emozioni. Ci vuole coraggio per esporsi e scrivere canzoni con questa forza. E ci vuole una volontà di ferro per portare la propria musica in giro perché ogni volta che suona, un artista si spoglia. Mette a nudo sè stesso e lo fa anche per permettere a tutti di capire che non si è tanto soli o diversi come a volte si crede.
Da qualche parte ci sarà sempre qualcuno con una chitarra in mano e quattro accordi che canta anche per voi.
Qualcuno che celebrerà la vita, la musica, l'amore e anche il dolore e la morte.

Qualcuno che sogna, qualcuno Indiependente.




Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.