Passa ai contenuti principali

DIVIDI ET IMPERA di Marco Zuppa

Ho scritto un pezzo. 
E’ arrivato all’improvviso. Chiamo i ragazzi del gruppo, organizziamo per trovarci. Glielo faccio sentire e iniziamo a provarlo. Ci vogliono due mesi prima che si riesca a registrarlo bene. Nel frattempo l’abbiamo suonato live, fatto sentire ad amici, cambiato, cassato e ripescato e alla fine quel pezzo è diventato una canzone. Una di quelle vere. Con dentro tutto quello che questi due mesi hanno portato.

E’ il 1994.

Sono passati 21 anni da quando mi è successo quanto vi ho appena descritto. La cassetta con quel brano è ancora in mio possesso, registrata live alla Dracma durante una prova. Quel gruppo si è sciolto ma il ricordo dell’emozione di creare insieme qualcosa è ancora saldo.


Dove voglio andare a parare? Semplice, individualità.

L’individualità che oggi contraddistingue molti, forse troppi artisti.
Nell’era della condivisione virtuale siamo ormai abituati ad essere autosufficienti. Ho il mio canale Youtube, la mia pagina Facebook, il mio Blog e una mail creata apposta per gestire tutto. E pago per promuovermi, per essere visibile a tutti.
Nei miei pezzi posso programmare batterie, bassi, inserire fiati o intere orchestre. Tutto da solo, non ho più bisogno di nessuno.

Tranne che del pubblico.

Già, il pubblico. Non sempre mi riesce di portare molta gente ad un mio concerto. Vanno tutti a ballare o a sentire gente famosa. Non capiscono.

O forse no.

Forse sbaglio qualcosa.

Forse non basto da solo.

Forse a tutti questi mezzi che l’Industria ha messo a mia disposizione non interessa unire noi artisti. Forse gli fa più comodo dividerci.

Forse dovrei iniziare a condividere i miei brani con altri artisti e non su un social. 
E magari potrei dividere il palco con altri artisti. Forse non dovrei preoccuparmi così tanto di tutelare i miei brani ma di farli sentire alle persone giuste.
Creare una rete di collaborazioni basate sul piacere di fare musica con artisti che apprezzo e che mi apprezzano. Smettere di essere un’unità individuale.

Forse in questo modo potrebbe funzionare.

Insieme ad altri.

Ho scritto un pezzo.
Silenzio il cellulare, indosso le cuffie collegate alla mia scheda audio e accendo il portatile.
Regolo il metronomo, imbraccio l’acustica e clicco su REC.
Con un po’ di attenzione lo finirò in un paio di giorni, in tempo per pubblicarlo su YouTube, Soundcloud e condividerlo su Facebook nel weekend.

E’ il 2015.


Tempi bui.


Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.