Passa ai contenuti principali

9 Domande a: ANDREA MARZOLLA - Intervista sulla musica Indie a Torino


1. Come vorresti si chiudesse la tua carriera musicale, ossia, che obiettivi vorresti raggiungere nella musica?

Cercare di far arrivare le mie canzoni alle orecchie di più gente possibile. E cercare di far divertire riflettendo. O riflettere divertendo, il succo è uguale.


2. Preferisci suonare in studio o live e perché?

Amo entrambe le situazioni. In studio imparo sempre qualcosa di nuovo, sia da un punto di vista meramente tecnico sia perchè si possono scoprire ulteriori risvolti all'interno dell'anima delle canzoni: risvolti che magari, senza uno studio più profondo, non riuscirebbero a venire fuori. Dal vivo invece, il contatto con il pubblico è diretto ed è, per quanto mi riguarda, il momento più gratificante dell'esistenza.



3. Un artista della scena di Torino che ti piace e perché?

Qualche tempo fa conobbi dei ragazzi molto giovani che facevano un gran bel rock-blues, gli High Sergeants. Poi nel corso di questi anni di concerti ho conosciuto tanti ottimi artisti e tante belle persone

4. Un artista della scena di Torino che non ti piace e perché?

Sicuramente ho incontrato band la cui musica non mi piaceva, ma citare qualcuno in particolare è impossibile. Comunque, come ripeto, non sono mai rimasto deluso dal lato umano ed è una cosa che reputo fondamentale.

5. Quale locali consigli di frequentare a chi vuole suonare e/o vedere concerti?

Escludendo i grandi luoghi per i concerti della scena torinese, come può essere un Hiroshima ad esempio, ci sono tanti bei locali dove è possibile ascoltare bella musica. L'ultimo in ordine di tempo in cui ho suonato, con i ragazzi di "Indiependence Day", è stato il Circolo Sud: atmosfera intima e note che viaggiavano in allegria.

6. Una canzone che vorresti aver scritto e perché?

Nella storia della musica? Ti posso fare l'esempio di quello che è il mio cantautore italiano preferito e ti dico "Venderò" di Edoardo Bennato, un testo geniale e profondo accompagnato dall'essenzialità dell'arrangiamento musicale.

7. Una canzone che vorresti non aver scritto e perché?

Sicuramente tra le mie creazioni ce n'è qualcuna (soprattutto tra quelle "giovanili") che non mi piace più o che non mi rispecchia più. Ma le riscriverei tutte: sono state e saranno sempre una parte di me.

8. Qual è il compito di un artista secondo te e che importanza ha oggi?

Sono finiti i tempi del cantautore impegnato modello anni '70. Oggi si è tutti bravi a parlare e velocissimi ad esporre le proprie, diciamo così, idee su qualsiasi cosa, spesso banalizzando le situazioni. L'artista oggi - parlo dal mio personalissimo punto di vista - non deve fare il santone, ma deve almeno provare a far accendere un minimo il cervello alle persone che hanno deciso di spegnere per una sera la tv e di venire ad ascoltare un prodotto culturale. E ovviamente un artista deve divertire, altrimenti è finita in partenza.

9. Cosa pensi della scena musicale di Torino?


Sicuramente Torino ha un underground molto florido da cui ogni tanto qualcuno riesce ad uscire. Con ancora una maggiore collaborazione tra artisti (anche se io ho fatto parte di ottimi gruppi organizzati da musicisti con lo scopo di aiutarsi a vicenda), si potrebbe davvero cominciare tutti a pensare un po' più in grande.






Commenti

Post popolari in questo blog

LODOVICO GUENZI de "Lo Stato Sociale" risponde a 6 domande scomode

1) Un aspetto positivo ed uno negativo del fare musica? Il lato positivo, musica o non musica, è fare il cazzo che ti pare.  Ecco, questa cosa difficilmente ti viene perdonata.
2) I talent sono spesso criticati ma a tuo giudizio, perché riscuotono tanto successo? Beh è lo stesso principio per cui ha senso un reality, ad esempio. Metti in campo l'umanità e il quotidiano, la fragilità e il sogno e la stendi nelle fasi in cui nasce e cresce. E poi chiunque ama giudicare, e niente ti fa sentire più sereno nel giudicare del mettere degli artisti in un contesto scolastico. Poi la realtà è che il rock'n'roll lo fai proprio per non andare a scuola, per non avere nessuno che ti dice come devi essere, come ti devi vestire o muovere o parlare. Per questo agisce davvero nelle vite delle persone, perché è una pratica di libertà. Per questo di cento partecipanti hanno una carriera vera in dieci e hanno gente ai concerti in tre. Esiste una grande affezione allo sviluppo drammatico delle parab…

ANGELO BRANDUARDI - Oggi ha più senso suonare che fare dischi

Classe 1950, 50 album pubblicati e una carriera che incarna l'indipendenza come poche altre, Angelo Branduardi è un musicista che suona da anni e che ha accumulato un'esperienza e una dedizione alla musica senza pari. Abbiamo avuto il piacere di intervistarlo e di raccogliere le opinioni di un artista senza peli sulla lingua.

In un periodo in cui si parla molto di musica indipendente, cosa ne pensa della scena indipendente?

Io non la conosco molto ma in passato anche io e miei colleghi, che abbiamo avuto contatti con le multinazionali, potevamo contare su un'etichetta e una libertà assoluta. Negli anni d'oro della discografia, 70 - 80 - 90, al giovane talento venivano dati 5 anni di tempo e un piccolo stipendio mensile.
Ti dicevano: "Col primo disco ci perdiamo, col secondo andiamo a pari e col terzo guadagniamo."
Avevamo 3 possibilità, oggi ne hai una. 5 minuti e una pedata nel sedere.
In questo senso devo dire che un'etichetta indipendente ha un valore perch…

BEBA - Il confine tra indie e mainstream è Calcutta

1 - In un mondo sempre più incentrato sul web, cosa conta di più tra una pagina Facebook con tanti like e un buon disco?
Senza dubbio conta di più un buon disco, una pagina con tanti like porta tanti like alle foto e tanti commenti, ma non porta le persone ai live.. quello lo fa solo la musica fatta bene.